Venerdì 05 Giugno 2009

arazago

rapinati e sequestrati all’interno della loro villetta ad Arzago D’Adda (BG), i carabinieri riescono ad intercettare il responsabile che aveva fatto perdere le sue tracce e lo arrestano. La sera del 30 maggio, verso le ore 19:30, ad Arzago D’Adda (BG), un malvivente si è introdotto all’interno della villetta di via Ariberto, dove abitano un’anziana donna di 87 anni e suo figlio, un uomo di 64 anni ed invalido civile. Il malvivente, armato di un coltello da cucina e travisato, ha prima aggredito l’uomo, picchiandolo e gettandolo a terra per stroncare la sua reazione, si è fatto subito consegnare 200 Euro e poi ha iniziato a rovistare nei cassetti per cercare altro denaro, continuando a minacciare le sue vittime. Il malvivente è tornato poi a picchiare il 64enne, poi ha legato le mani e i piedi delle vittime, a questo punto, la donna, temendo il peggio, ha indicato al rapinatore il posto in cui aveva nascosto altri 1200 Euro. Il malvivente, dopo aver staccato i fili del telefono è scappato facendo perdere le sue tracce. Solo verso le ore 22:00 le vittime sono riuscite a slegarsi e a chiamare i carabinieri. Sul posto sono subito intervenuti i carabinieri di Caravaggio e poi il personale del NORM di Treviglio per i rilievi tecnici. Sono scattate subito le ricerche del responsabile e nell’immediatezza dei fatti, i militari, sulla base dei dati raccolti hanno subito indirizzato le ricerche nei confronti di un noto pregiudicato, anch’esso di Arzago (L.F. di 44 anni). Il giorno successivo, grazie agli accertamenti nel frattempo svolti, gli iniziali sospetti si sono trasformati in certezze e sono così iniziate le ricerche del malvivente che aveva già lasciato la sua abitazione di Arzago. Le ricerche sono state molto intense e serrate, fino a quando, il 3 giugno, L.F. è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione di Caravaggio, è stato intercettato alla stazione ferroviaria di Verdello. Dopo il fermo il malvivente è stato subito condotto in carcere ed oggi il GIP ha convalidato il fermo d’iniziativa operato dai militari e ha applicato ad L.F. la misura cautelare della custodia in carcere. BERGAMO: SVENTATO UN FURTO AD OSIO SOTTO. NELLA DECORSA NOTTE, AD OSIO SOTTO (BG), UN EQUIPAGGIO DEL N.O.R.M. DELLA COMPAGNIA DI TREVIGLIO, NEL TRANSITARE DAVANTI AL NEGOZIO ACCONCIATURE “NOVA HAIR”, NOTAVA DUE SCONOSCIUTI INTENTI AD ARMEGGIARE SULLA PORTA D’INGRESSO, CHE ALLA LORO VISTA, SI DAVANO AD IMMEDIATA E PRECIPITOSA FUGA NELLE VIE ADIACENTI, FACENDO PERDERE LE PROPRIE TRACCE. IL SOPRALLUOGO ESEGUITO PERMETTEVA DI STABILIRE CHE I MALVIVENTI AVEVANO FORZATO LA SERRATURA SENZA RIUSCIRE AD ACCEDERE ALL’INTERNO, ABBANDONANDO SUL POSTO UN’AUTOVETTURA FORD ESCORT APPENA ASPORTATA IN TREZZO SULL’ADDA (MI). L’AUTOMEZZO VENIVA RECUPERATO E RESTITUITO AL LEGITTIMO PROPRIETARIO.

a.ceresoli

© riproduzione riservata

Tags