Mercoledì 19 Agosto 2009

Guasto al volo di SkyEurope:
turisti bloccati a Praga e Orio

Un guasto a un aereo della Skyeurope ha costretto a una notte insonne i passeggeri in attesa del volo: bloccate in aeroporto, a Praga, tutte le persone dirette a Orio al Serio. E come conseguenza, perché dallo scalo bergamasco l'aereo sarebbe dovuto tornare a Praga martedì sera, bloccati a Bergamo circa 80 passeggeri.

L'odissea è iniziata - come hanno raccontato i parenti che aspettano il rientro dei loro congiunti dalla Repubblica Ceca - quando a Praga non è arrivato l'aeromobile che doveva partire alle 19 per raggiungere Orio alle 20,25. Colpa di un guasto al velivolo che, secondo le informazioni, doveva arrivare da Bratislava. Solo nella notte il volo è atterrato, e i passeggeri diretti a Orio sono stati fatti salire a bordo.

Il volo di Skyeurope ha tentato il decollo, ma il guasto si è ripresentato e l'aereo è stato costretto al rientro. «Hanno invitato i passeggeri, che erano in aeroporto dalle 17, a restare a bordo mentre si effettuavano le riparazioni», racconta il marito di una bergamasca. Ma i passeggeri si sono ribellati e sono scesi: hanno preso d'assalto il banco di Skyeurope per avere spiegazioni, tanto che è dovuta intervenire anche la polizia.

«Hanno ottenuto dei buoni per i panini», racconta il marito di una delle bergamasche. Questa mattina si è attivata anche l'ambasciata italiana a Praga. Secondo le informazioni confermate da Sacbo, Skyeurope si sarebbe rivolta alla Dubrovnik Airline per avere un aereo che potesse effettuare la tratta: è atteso per le 13,45 a Orio.

È andata un po' meglio agli 80 passeggeri in attesa di partire da Orio per Praga: chi ha voluto (44 secondo Sacbo), una volta capito che si è capito che il ritardo sarebbe stato consistente, è stato sistemato in albergo in attesa del volo. Altri invece hanno preferito arrangiarsi: in attesa dell'arrivo del volo da Praga col quale partire.

Per molti comunque il ritardo di Skyeurope ha significato un grave danno all'attesa vacanza.

r.clemente

© riproduzione riservata