Domenica 06 Settembre 2009

Folla a Stezzano, Levate e Arcene
Al via la tratta metropolitana

Una folla di bergamaschi, sulle banchine delle fermate ferroviarie di Stezzano, Levate e Arcene, ha accolto con grandi applausi il treno che nel pomeriggio di domenica 6 settembre è partito da Bergamo alle 15 e per la prima volta si è fermato a Stezzano alle 15.04, a Levate alle 15.08 ed a Arcene alle 15.16 inaugurando così sulla tratta Bergamo-Treviglio il tanto sospirato servizio del «treno metropolitana».

Soddisfatto l'assessore alle Infrastrutture e Mobilità di Regione Lombardia Raffaele Cattaneo: «Questa è una giornata molto importante - ha detto durante la cerimonia di inaugurazione -. Avviamo il servizio, che dopo una fase sperimentale da dicembre entrerà a pieno regime, tra Bergamo e Treviglio. Manteniamo l'impegno di aprire tre stazioni realizzate con il raddoppio della linea e che sino ad oggi sono rimaste chiuse. Un primo segnale importante, un fatto concreto che va nella direzione di migliorare le condizioni dei pendolari».

Il servizio è operativo dal lunedì al sabato. Tredici i treni che fermeranno in tutte le stazioni intermedie (Treviglio Ovest, Arcene, Verdello-Dalmine, Levate, Stezzano). A dicembre, contestualmente all'attivazione delle linee S5 e S6 per Treviglio Centrale, il servizio entrerà definitivamente in vigore, con una corsa ogni 30 minuti nelle ore di punta e una ogni 60 minuti nelle ore di «morbida». Sarà inoltre attivato il servizio festivo con una corsa ogni ora.

Al viaggio inaugurale hanno partecipato anche l'amministratore delegato della nuova società Trenitalia-LeNord Giuseppe Biesuz, il presidente della Provincia di Bergamo, Ettore Pirovano, il vicesindaco del Comune di Bergamo, Gianfranco Ceci, i sindaci di Arcene, Giuseppe Foresti, di Levate, Federica Bruletti, di Stezzano, Elena Poma, e il sindaco di Treviglio, Ariella Borghi. «Sono certo che l'impegno della nuova società Trenitalia-LeNord che inizia ad operare nella gestione del servizio ferroviario regionale della Lombardia sarà massimo soprattutto nel mettere al centro il passeggero - ha ribadito l'assessore Cattaneo -: Regione Lombardia su questo punto sarà implacabile nei confronti della nuova società. Se durante i 12 mesi di prova non garantirà la qualità che pendolari meritano, percorreremo altre strade». Cattaneo ha poi ricordato che «per migliorare lo standard di qualità del servizio di trasporto ferroviario in Lombardia, non sempre all'altezza delle legittime aspettative dei cittadini, la Regione investe nel biennio 2009-2010 40 milioni in più di fondi propri, che vanno ad aggiungersi ai 356 già stanziati per i contratti di servizio 2009».

Le fermate di Arcene, Levate, Stezzano sono gestite da Rete Ferroviaria Italiana e nei prossimi mesi saranno installate pensiline ed emettitrici automatiche di biglietti. Nel frattempo, sono state aperti alcuni punti di vendita esterni (uno a Stezzano, uno a Levate e due ad Arcene) e i passeggeri in partenza da ciascuna delle tre stazioni potranno regolarizzare il biglietto a bordo senza sanzione (sempre avvisando il capotreno appena saliti sul treno).

Sulle scelte della Regione arrivano però anche le prime critiche: «Molte centinai di persone hanno festeggiato l'arrivo del treno inaugurale nelle stazioni di Stezzano, Levate e Arcene a dimostrazione che i sindaci e i pendolari che in questi anni si sono battuti per l'attivazione del servizio esprimevano un bisogno sentito da tutti i loro cittadini - hanno detto Marcello Saponaro, consigliere regionale dei Verdi e Giuseppe Benigni, consigliere regionale del Pd -. La Regione e le istituzioni ora non deve deludere questi cittadini e questi Sindaci. L'orario sperimentale è assai poco utile per soddisfare le esigenze dei lavoratori e degli studenti e così non dovrà rimanere con l'attivazione del nuovo orario invernale il prossimo 13 dicembre».

Orario che del resto potrà essere attivato solo se verranno completate le opere mancanti, a cominciare dai parcheggi di servizio. «La sperimentazione dovrà insegnare questo, ancora una volta e se ce n'è bisogno, che la frequenza è insufficiente, gli orari dei pendolari sono quelli da potenziare e la qualità del servizio non è indifferente al successo e alla crescita del suo utilizzo - hanno continuato i due politici bergamaschi -. Ben diverso dovrebbe essere il servizio “treno metropolitana”. Diverso per puntualità, per frequenza, per pulizia e per manutenzione. Solo investimenti adeguati alla quantità di imposte che pagano i bergamaschi potrà permettere di fare del treno la priorità delle istituzioni e dei cittadini».



Gli orari del nuovo servizio.
Partenze da Bergamo:
Ore 6.21 ferma in tutte le stazioni - Ore 8.21 ferma in tutte le stazioni - Ore 12.10 ferma in tutte le stazioni - Ore 13.30 ferma in tutte le stazioni (corsa già esistente) - Ore 15 ferma in tutte le stazioni - Ore 16.17 ferma in tutte le stazioni - Ore 17.37 non ferma a Stezzano,Levate, Arcene - Ore 18.39 ferma in tutte le stazioni.

Partenze da Treviglio:
Ore 7.28 non ferma a Levate e Stezzano (corsa già esistente) - Ore 9.06 ferma in tutte le stazioni -  Ore 12.48 ferma in tutte le stazioni - Ore 14.10 ferma in tutte le stazioni - Ore 15.39 ferma in tutte le stazioni - Ore 16.59 ferma in tutte le stazioni - Ore 18.08 non ferma a Stezzano, Levate, Arcene - Ore 20.09 ferma in tutte le stazioni.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata