Giovedì 10 Settembre 2009

Università, già 3.050 matricole
In testa le Facoltà scientifiche

Sono già più di tremila le matricole del nuovo anno accademico all’Università degli studi di Bergamo. La segreteria degli studenti ne registra ad oggi 3.050. Anche se si tratta solo di un’anticipazione (i dati relativi alle Facoltà di Economia e Ingegneria sono significativi mentre per le facoltà umanistiche bisognerà attendere almeno fine ottobre), il trend sembrerebbe confermare una tenuta del gradimento dell’ateneo tra i neoiscritti alle lauree triennali.

Si confermano con un buon gradimento le Facoltà scientifiche. Sono 701 gli immatricolati alla facoltà di Economia suddivisi tra Economia aziendale di via dei Caniana con 587 iscritti, di Treviglio con 59 iscritti e di Economia con 55 iscritti.

Anche a Ingegneria ci sono 460 matricole: si confermano in questo caso i dati resi noti nei giorni scorsi con i corsi di meccanica ed edile con 134 iscritti ciascuno, gestionale con 121 iscritti, informatica con 69 matricole e solo due a Ingegneria tessile.

Sul fronte umanistico invece non sono ancora disponibili i dati per la facoltà di Scienze umanistiche, di Scienze della formazione, di Giurisprudenza e Lingue e letteratura straniera. In tutto si tratta di circa 1.900 matricole al momento ma il dato è relativo perché le iscrizioni sono ancora aperte. Di certo anche quest’anno sono tutti impegnati i trecento posti della triennale di Scienze psicologiche (all’interno della Facoltà di Scienze della formazione).

Da verificare la tenuta in termini di iscritti di due facoltà relativamente più giovani come Giurisprudenza e Scienze umanistiche.

I primi dati danno l'idea di una sostanziale tenuta delle dimensioni di media università, in termini quantitativi, su cui si è consolidata in questi ultimi anni l'Università di Bergamo attestandosi su oltre i 15 mila iscritti. Un buon risultato tenendo conto che, in Lombardia, la concorrenza tra le diverse università presenti sul territorio è la più agguerrita d'Italia.

Per saperne di più leggi L'Eco in edicola oggi

a.ceresoli

© riproduzione riservata