Lunedì 21 Settembre 2009

Bergamaschi alla scuola militare
Marella e Niccolò alla «Teulié»

C'è una bergamasca tra le undici ragazze che, per la prima volta nella storia della prestigiosa Accademia, varcheranno la soglia della scuola militare Teulié di Milano. Marella Margan, 16 anni, ha deciso, con il coetaneo Niccolò Cividini, anch'egli bergamasco, di lasciare il liceo scientifico «Mascheroni», dove entrambi studiano, per mettersi alla prova e guardare alla vita militare come possibile scelta di vita.

Quest'anno sono 80 gli allievi entrati alla Teuliè con il corso «Spagnolo» e, per la prima volta, ci sono anche le ragazze (undici). Marella Margan ha quindi il privilegio di far parte del primo manipolo rosa della storica scuola militare fondata nel 1802 dal generale napoleonico Pietro Teuliè.

La selezione non è stata certo semplice: gli aspiranti erano circa duemila. «In casa sulle prime, soprattutto mia mamma, non hanno preso molto bene la mia decisione – racconta Marella – ma vista la mia determinazione mi hanno lasciato fare». Reazione diversa in casa Cividini. «Sono stati contenti e io più di tutti – spiega Niccolò – perché questa è la prima grande decisione della mia vita».

Tra le motivazioni di Marella c'è certamente anche la passione per l'equitazione, che la scuola le permette di coltivare. Ma la possibilità di praticare attività sportiva non manca nemmeno tra le motivazioni di Niccolò: «La mia specialità il wushu, un'arte marziale. Ma non importa, alla Teuliè ci sono molte altre discipline e, soprattutto, c'è una bella integrazione tra studio e attività sportiva».

Per loro, la sveglia suonerà d'ora in poi alle 6,30. E ci sarà da abituarsi a una vita decisamente spartana, ma per i due giovani questo non sembra rappresentare un problema: Marella e Niccolò guardano già al futuro. Che, dopo i tre anni di scuola, vedono nell'esercito.

f.morandi

© riproduzione riservata