Giovedì 08 Ottobre 2009

Almenno S. B. rincarano le tariffe
di trasporti e mensa scolastica

Rincarano le quote del trasporto e le tariffe della mensa per le scuole di Almenno San Bartolomeo. E' l'effetto delle nuove fasce Isee deliberate nel Piano di diritto allo studio dal Consiglio comunale. «Una manovra necessaria per mantenere inalterati e qualitativamente alti i servizi offerti - spiega il consigliere delegato all’Istruzione Massimo Todeschini – e dovuta all’aumento del costo per il servizio di trasporto».

«Abbiamo cercato di non incidere troppo sul reddito dell’utenza – insiste Todeschini -. Gli aumenti sono stati ripartiti con accortezza e grande misura. Dove da una parte si è richiesto qualche sacrificio, dall’altra si è cercato di mantenere inalterati i costi. Per esempio, avendo ridotto le agevolazioni per le rette di frequenza dell’asilo Pozzi, non è stato applicato alcun rincaro sul servizio di trasporto per gli alunni della scuola dell’infanzia».

In questo caso l’aumento riguarderà infatti solo elementari e medie, nonostante le fasce Isee si siano state riviste in toto. «La società Sab si è aggiudicata il servizio di trasporto anche per i prossimi tre anni – dice il consigliere -. Il costo complessivo però è aumentato del 19%, circa 32.900 euro annui, e questo ci ha indotto a un’attenta revisione delle tariffe di contribuzione delle famiglie, nonché a una rimodulazione delle fasce Isee determinanti il calcolo delle riduzioni».

Mentre resta invariata la tariffa per l’asilo, per la primaria la tariffa intera passa da 166 a 190 euro annuali con le agevolazioni previste dalle nuove 5 fasce Isee (da quella inferiore a 5.500 euro a quella superiore a 10.000) che prevedono contributi a carico delle famiglie variabili dal 30 al 100% della stessa. Sparisce, con le nuove fasce, quella che prevede la gratuità dei servizi (trasporto, mensa e rette dell’asilo) per le utenze più disagiate. Più contenuto l’aumento della tariffa intera a carico delle famiglie per le scuole medie che passa da 238 a 250 euro con le stesse agevolazioni previste per asilo ed elementari.

Qualche aumento, se pur minimo, è previsto anche per la mensa scolastica. Il buon rapporto con la ditta «Punto Ristorazione» di Gorle ha consentito di non applicare l’aumento dell’1,5% come adeguamento Istat al costo di ogni pasto mantenendo la tariffa intera del buono mensa a carico degli utenti a 3,11 euro, ma sono state rimodulate le fasce di riduzione al fine di uniformarle a quelle del trasporto: i contributi a carico delle famiglie vanno quindi dal 30 al 100% della tariffa intera. I rincari maggiori per le famiglie sono quelli legati ai contributi erogati dal Comune all’asilo non statale Pozzi per le rette mensili delle famiglie e calcolati sulla base delle fasce Isee: 6 in tutto, da quella inferiore a 8.000 euro a quella superiore a 25.000 euro che prevedono riduzione sulla tariffa piena dall’85 al 5%. In tutto sul piatto ci sono 81.000 euro, il 5,25% in meno rispetto allo scorso anno scolastico, mentre sono arrivate richieste Isee di contributi pari a 118.000 euro. La differenza è stata coperta in parte dal Comune e in parte dalle famiglie. La retta base per gli iscritti nel 2009 sale da 150 a 160 euro. Per la fascia più alta il contributo scende dal 20 al 5% e passa da 30 a 8 euro.

Tra gli stanziamenti, il più sostanzioso riguarda l’assistenza agli alunni diversamente abili che ammonta complessivamente a 188.000 euro. Per sostenere le attività didattiche sono invece stati destinati 17.508 euro alle elementari e 13.209 euro alle medie. Ci sono anche 8.000 euro per borse di studio e premi al merito scolastico e 19.461 euro per il servizio di vigilanza sui bus della scuola dell’infanzia e primaria che anche quest’anno è affidato all’associazione anziani di Almenno San Bartolomeo. Il Piano, che prevede una spesa complessiva a carico del Comune di 426.22 euro, 45.558 in più rispetto al precedente, è stato deliberato nonostante il voto contrario dei gruppi di minoranza consiliare Lega nord e Nuovo Almenno, che hanno contestato gli aumenti a carico delle famiglie.

e.roncalli

© riproduzione riservata