Mercoledì 19 Marzo 2014

«Allontanato» per direttissima

Primo caso nella Bergamasca

Il tribunale di Bergamo in via Borfuro

Per la prima volta nella Bergamasca la misura dell’allontanamento dalla casa familiare è stata convalidata con il rito direttissimo, nonostante l’uomo non sia stato formalmente arrestato. È l’effetto delle nuove norme contro il femminicidio.

Ha colpito un operaio marocchino di 48 anni, incensurato e da 27 anni in Italia, che avrebbe minacciato la moglie con un coltello davanti ai tre figli. La donna si sarebbe spaventata a tal punto da saltare dalla finestra da un’altezza di tre metri per sottrarsi dalle minacce del marito.

È successo martedì 18 marzo a Sant’Omobono e a dare l’allarme è stata la figlia 19enne della coppia. La donna sarebbe stata presa a pugni dal marito, che era in stato di ebbrezza, prima di essere minacciata con il coltello. I carabinieri erano già intervenuti diverse volte sempre per lo stesso motivo e ora è scattata la misura cautelare.

L’uomo in direttissima ha respinto tutte le accuse dicendo di essere lui la vittima, ma evidentemente non è stato creduto.

© riproduzione riservata