Lunedì 26 Gennaio 2004

Calusco, i vandali tagliano le gomme a cinquanta auto

Strage di pneumatici sabato notte: in un raid teppistico sono state danneggiate le gomme di cinquanta automobili che erano parcheggiate nelle aree di sosta e lungo le vie di Calusco; i vandali hanno agito un po’ in tutto il paese.

Da un primo calcolo i pneumatici danneggiati sono circa duecento pari a un danno per le tasche dei caluschesi che si aggira intono ai 20.000 euro.

La brutta sorpresa ieri mattina è toccata almeno a 50 proprietari di auto che hanno trovato le gomme delle loro vetture sgonfiate a causa di piccoli buchi e tagli inferti con punteruoli e coltellini. Quelli più fortunati se la sono cavata con una sola gomma a terra e quindi sono riusciti a limitare i danni sostituendola con la ruota di scorta. Coloro che invece hanno subito danni a più pneumatici, hanno dovuto chiedere l’intervento del gommista.

Alla stazione dei carabinieri di via Europa ieri sono state presentate più di 15 denunce, sicuramente altre arriveranno nella giornata di oggi da parte di quelle persone che hanno subito i vandalismi e che ieri non hanno avuto tempo di presentarsi in caserma. In via Marconi, ieri sera, c’erano ancora auto con le ruote sgonfie, segno evidente del passaggio dei vandali.

Secondo le testimonianze raccolte tra chi ha subito i danni alle vetture, i teppisti hanno iniziato a tagliare le gomme sabato sera prima delle 20. Un animatore dell’oratorio ha infatti verificato che a quell’ora la sua auto, parcheggiata in una via laterale alla chiesa parrocchiale, aveva già due pneumatici tagliati. Il raid vandalico è andato avanti almeno sino alle 5 di mattina e sono state colpite auto di tutte le marche, parcheggiate in diverse località del paese: nella zona storica vicino all’oratorio e al municipio, nel parcheggio di Montello, a Luprita, a Vanzone, in via Marconi, in via Roma, vicino alla stazione e in strade laterali alla provinciale Rivierasca.

È facile intuire che ad agire col favore del buio siano state diverse persone, infatti non c’è zona di Calusco che sia rimasta indenne. I teppisti conoscono bene anche il paese poiché hanno agito persino in vie a fondo chiuso.

Tra le vittime dei vandali c’è anche il direttore dell’oratorio di Calusco, don Roberto Trussardi: gli hanno bucato le due gomme anteriori della sua Fiat Punto.

(26/01/2004)

r.clemente

© riproduzione riservata

Tags