Lunedì 01 Settembre 2008

Calusco, riapre dopo 4 anni il Centro prelievi

Il Centro Prelievi di Calusco d’Adda, chiuso nel maggio 2004, dopo tre annunci di apertura non avvenuti in questi anni, riaprirà mercoledì 3 settembre alle 7.30 e l’inaugurazione si terrà domenica 7 settembre alle 11. Il centro prelievi era stato chiuso l’8 maggio 2004, dall’azienda Biomedicals che aveva trasferito il Centro a Brembate Sopra. Da subito vennero avviati i contatti con gli Ospedali di Treviglio, Ponte, Merate e San Giovanni Bianco per riportare il Centro sul territorio, dove serviva una vasta fascia di popolazione. Uno spiraglio arriva all’inizio del 2006 quando dall’Asl di Bergamo, a seguito di una delibera regionale, viene confermata la possibilità di riaprire il centro prelievi a Calusco tramite il Policlinico di Ponte. Si organizzano i lavori per la possibile riapertura, ma la Regione ferma tutto: occorre fare un bando di concorso. Nell’aprile 2007 la Regione assegna alla Clinica Gavazzeni l’esercizio del punto prelievi e il 17 maggio un fax dell’Asl di Bergamo conferma l’operatività da settembre. Nel periodo ferragostano, invece, la Clinica Gavazzeni comunica l’impossibilità di iniziare l’attività: altra doccia fredda per i cittadini. Riparte il nuovo bando e l’11 novembre l’Asl comunica che il centro analisi è stato assegnato alla struttura dello “Studio tecnico analisi dott. Craveri sas” di Rho, che conferma la sua volontà di operare sul territorio. Dopo un complicato iter burocratico (lo studio di analisi fa parte dell’Asl di Milano e questo ha comportato una lunga procedura), nei mesi scorsi si è dato il via ai lavori ed ora il centro analisi è pronto ad operare presso il distretto socio sanitario di via Volta, nei locali dove c’era la dialisi. L’apertura per i primi tre mesi sarà solo di una giornata, il mercoledì dalle 7.30 alle 10.30, mentre dalle 10.30 alle 12.30 si potranno ritirare gli esami. L’obiettivo è di aprire il Centro due giorni ma anche tre la settimana, secondo il flusso che in questi mesi verrà monitorato. (01/09/2008)

a.campoleoni

© riproduzione riservata