«Ho messo io il veleno negli alimenti» Il 27enne confessa davanti al gip
Mattia Del Zotto

«Ho messo io il veleno negli alimenti»
Il 27enne confessa davanti al gip

«Sono stato io a mettere il tallio». La confessione del 27enne che ha ucciso tre familiari.

Mattia Del Zotto, il 27enne di Nova Milanese in cella per aver avvelenato i familiari uccidendone tre, interrogato sabato dal gip di Monza, Federica Centonze, ha confessato di essersi occupato «personalmente» di contaminare gli alimenti che sapeva essere abitualmente consumati dai parenti. Lo ha fatto «sfruttando la vicinanza degli appartamenti», il suo e quelli di nonni e zii.

Al giudice ha ribadito, alla presenza del suo avvocato Silvia Letterio, di aver agito «per punire gli impuri». Del Zotto, durante l’interrogatorio di garanzia che si è svolto nel carcere di Monza, per circa un paio di ore ha risposto alle domande del giudice. Da quanto è trapelato ha spiegato di aver «personalmente» architettato il piano e di essersi occupato «personalmente» di «contaminare” alcuni alimenti che sapeva essere «consumati» dai parenti poi avvelenati. Ha aggiunto di aver sfruttato la vicinanza degli appartamenti: quello in cui vive lui con i genitori con quelli dove vivono nonni e zii. Poi, dopo aver fornito altri particolari che completerebbero la ricostruzione di inquirenti e investigatori, ha ripetuto quel che aveva già detto mercoledì sera ai carabinieri che lo stavano arrestando. E cioè di aver compiuto il gesto per «punire persone impure», in base, si è limitato a dire il suo legale, «a una sua interpretazione dell’ebraismo e a una particolare visione che ha del mondo, della realtà e delle cose che ci circondano». L’avv. Letterio ha chiesto al gip una perizia psichiatrica “per verificare la capacità di partecipare al processo» per capire se il giovane si «è reso conto di dove si trova ora e di quello che gli può accadere».

© RIPRODUZIONE RISERVATA