In viaggio in aereo verso gli Usa? Giro di vite sui controlli all’imbarco

In viaggio in aereo verso gli Usa?
Giro di vite sui controlli all’imbarco

Tutti coloro che si recheranno negli Stati Uniti, cittadini americani compresi, troveranno lunghe code ai controlli, regole più rigide e potranno essere sottoposti a controlli dettagliati dei propri dispositivi elettronici e accurate interviste conoscitive già al momento del check-in.

Siete diretti negli Usa? State programmando un viaggio negli Stati Uniti d’America? Sappiate che da giovedì 26 ottobre sono cambiate alcune cose ai controlli. Lo rvela Skyscanner, portale di ricerca specializzato nella comparazione dei voli aerei. «Una delle conseguenze della sospensione del cosiddetto “Electronic ban”, proposto dal Presidente americano Trump e dalla sua Amministrazione, è stata l’intensificazione dei controlli di sicurezza per i passeggeri dei 2.100 voli diretti ogni giorno negli Stati Uniti d’America».

«Da giovedì 26 ottobre 2017, infatti, tutti coloro che si recheranno negli Stati Uniti, cittadini americani compresi, da qualsiasi altro Paese del mondo, troveranno lunghe code ai controlli, regole più rigide e potranno essere sottoposti a controlli dettagliati dei propri dispositivi elettronici e accurate interviste conoscitive già al momento del check-in. Le nuove regole di intensificazione dei controlli in Aeroporto possono variare a seconda della Compagnia Aerea, ma tutti i viaggiatori dovranno comunque aspettarsi tempi più lunghi di attesa ai controlli e prevedere un anticipo maggiore per recarsi in Aeroporto prima del volo. Riprendendo dalle notizie circolate in rete, alcune delle Compagnie aeree che hanno già comunicato le loro nuove regole in fatto di controlli per tutti i voli diretti in America sono:

Lufthansa: oltre al controllo dei personali dispositivi elettronici, verranno introdotte brevi interviste al momento del controllo dei documenti in aeroporto o al gate;

Emirates: previste interviste al passeggero già al momento del check-in;

Cathay Pacific Airways: la compagnia aerea ha comunicato che saranno sospesi self-drop del bagaglio in aeroporto e che ci saranno brevi interviste al check-in per i viaggiatori diretti negli USA, che abbiano bagagli o meno;

Air France: saranno introdotte interviste ai passeggeri in forma di questionario da compilare, prima all’Aeroporto di Orly e dall’inizio di novembre all’Aeroporto Charles de Gaulle;

EgyptAir: verranno intensificati controlli ai passeggeri, ai bagagli, saranno condotte interviste al check-in;

Royal Jordanian: da gennaio 2018 verranno introdotti dei questionari che tutti i passeggeri diretti in USA dovranno compilare in aeroporto.

Da Alitalia, per il momento, nessuna indicazione specifica sul sito: le ultime indicazioni per i viaggi negli Usa risalgono a febbraio 2017.

© RIPRODUZIONE RISERVATA