Venerdì 28 Novembre 2003

Ponte, 36enne di Bergamo sfugge alla rapina Tunisino racconta: mi hanno aggredito a Chignolo

Bloccato da quattro uomini, sotto la minaccia di una pistola: sono stati attimi di terrore quelli vissuti da un 36enne di Bergamo, nella notte tra mercoledì e ieri. Erano da poco passate le 24 quando A. R, fermo al semaforo di fronte al cimitero di Ponte San Pietro, alla guida della sua Bmw, ha visto scendere dall’auto che lo seguiva quattro persone, due a viso coperto, uno con la pistola.

Ma alle minacce di scendere e consegnare l’auto, ha avuto il sangue freddo di schizzare via. L’uomo ha avvertito i carabinieri ma i quattro malviventi, pare nordafricani, hanno fatto sparire le loro tracce.

Poco prima, a Chignolo d’Isola, un tunisino ha raccontato a un automobilista che l’aveva notato sul ciglio della strada, senza camicia, di essere stato vittima di un’aggressione da tre persone, un marocchino e due africani.

Lo avrebbero obbligato, sotto la minaccia di una pistola, a consegnare quanto aveva e persino la camicia. Anche di questi, però, nessuna traccia. Intanto un albanese è stato arrestato nella notte tra mercoledì e ieri lungo l’A4: sulla sua auto c’erano diversi arnesi per lo scasso.

(28/11/2003)

r.clemente

© riproduzione riservata

Tags