Domenica 19 Dicembre 2004

Slavina travolge sci-alpinista in Alta Valle di Scalve

Tragedia sfiorata nel pomeriggio in Alta Valle di Scalve. Una slavina ha rischiato di travolgere un gruppo di sci-alpinisti, ma uno di loro - un 67enne di Lovere - è stato investito dalla massa di neve che lo ha coperto fino alla vita: fortunatamente è stato tratto in salvo grazie all’intervento del Soccorso Alpino e dei cani antivalanga.Poi con l’elisoccorso è stato trasportato all’ospedale di Esine per la frattura di un femore. Incolumi, ma sotto choc gli altri escursionisti E’ successo attorno alle 14. Il gruppo composto da dodici sci-alpinisti della zona di Lovere sono saliti in mattinata a Schilpario. Da qui hanno preso la via che porta al Passo del Giovetto a circa 2.000 metri di quota. Quindi hanno tentato di risalire un canalone dove si era addensata neve fresca portata dal vento. Ad un tratto si è verificata la slavina che tuttavia ha solo lambito il gruppo, travolgendo solo uno degli sci-alpinisti.

L’uomo - Mario Facchinetti, pensionato, appassionato di montagna - è rimasto coperto dalla coltre nevosa fino alla cintura. I suoi compagni non lo hanno mai perso di vista e hanno dato subito l’allarme al 118. Sul posto è giunto l’elisoccorso con un tecnico del Soccorso Alpino e una unità cinofila. In un primo tempo si era infatti sparsa la voce che fossero due gli alpinisti travolti. Il 67enne di Lovere è stato recuperato e portato con l’elisoccorso all’ospedale di Esine, dove gli è stata riscontrata la frattura di un femore.

(19/12/2004)

e.roncalli

© riproduzione riservata

Tags