Martedì 27 Settembre 2011

Sostegno finanziario dell'impresa in crisi
Analisi e prospettive in un incontro

Quale sostegno finanziario per le imprese in crisi? A questa domanda risponderà il nutrito gruppo di esperti chiamati ad intervenire venerdì 30 settembre alle ore 15.00 nella sala conferenze della Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Bergamo in un incontro promosso dall'Ateneo bergamasco con il supporto e patrocinio anche dell'Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, che ha accreditato l'evento a fini formativi.

Il seminario si'nserisce all'interno del Master di secondo livello in Diritto dell'Impresa, organizzato dall'Università di Bergamo per il secondo anno consecutivo, con l'obiettivo di trasformare giovani laureati in giuristi d'impresa, professionisti che accompagnano le azienda nel proprio percorso economico, soprattutto nelle fasi più difficili, come quella attuale.

Il convegno si compone di due sezioni. La prima vedrà l'intervento di Lorenzo Stanghellini, ordinario di diritto commerciale nell'Università di Firenze, che affronterà le problematiche giuridiche derivanti dall'immissione di nuovi capitali da parte dei soci e di terzi nel caso di ristrutturazione dei debiti o di presentazione di piani di risanamento. A seguire Marco Miccinesi, ordinario di diritto tributario nell'Università Cattolica di Milano, analizzerà la possibilità di arrivare ad accordi con il fisco per definire la posizione debitoria dell'impresa.

La seconda sezione invece si svolgerà sotto forma di tavola rotonda, che vedrà confrontarsi Ermanno Baldassarre e Mario Caffi, rispettivamente Presidente dell'Ordine degli Avvocati di Bergamo e partner dello Studio legale Caffi, Maroncelli e Associati, Sergio Sala, Vice-Presidente dell'Ordine dei Dottori Commerciali e degli Esperti Contabili di Bergamo, Guido Venturini, Direttore di Confindustria Bergamo, e Gianfranco Bonacina, Presidente della Cassa Rurale-BCC di Treviglio. 

Nomi di spicco del panorama economico e professionale bergamasco che analizzeranno, ognuno dal proprio punto di vista, l'apporto che i vari professionisti possono dare alla gestione della crisi dell'impresa.

a.ceresoli

© riproduzione riservata