Venerdì 25 Ottobre 2013

Siglato un accordo operativo
tra Credito e imprese bresciane

Associazione Industriale Bresciana e Credito Bergamasco hanno siglato un importante accordo operativo mirato a garantire un accesso più facilitato al credito alle imprese bresciane associate che presentano un fatturato annuo sino a 250 milioni di euro.

Grazie all'accordo, la Banca riserva ai nuovi rapporti aperti una commissione di disponibilità creditizia agevolata pari allo 0,10% trimestrale, nonché condizioni di conto corrente di sicuro favore. Il Credito Bergamasco - che mantiene, comunque, la facoltà di non accogliere le domande di finanziamento prive dei necessari requisiti - si impegna a riservare alle pratiche segnalate da Associazione Industriale Bresciana la migliore attenzione per una sollecita definizione delle operazioni a condizioni agevolate.

La nuova intesa operativa conferma la volontà della Banca di instaurare un forte sistema di relazioni con le Associazioni di categoria del territorio servito. «L'accesso al credito - afferma il Presidente di Aib, Marco Bonometti - è una delle priorità del mio mandato, in un contesto in cui le banche sono condizionate da vincoli sempre più restrittivi imposti a livello normativo internazionale. Unitamente al vicepresidente allo Sviluppo d'Impresa, Innovazione ed Economia Paolo Streparava e al delegato al Credito Giacomo Gnutti, abbiamo così attivato un tavolo di lavoro sul tema - e l'accordo con Credito Bergamasco è un primo risultato - con l'obiettivo di sviluppare progetti che favoriscano una consapevole gestione del rapporto banca-impresa, stimolando il dialogo con gli istituti di credito, in un'ottica di collaborazione anziché di contrapposizione».

«L'accordo siglato con Associazione Industriale Bresciana - dichiara il direttore territoriale del Credito Bergamasco, Cristiano Carrus - è l'ennesima testimonianza di come il Credito Bergamasco continui a mettersi al servizio dell'economia e delle realtà produttive del territorio servito (Creberg - che presidia la Lombardia con 228 filiali – è presente in Brescia e provincia con 59 sportelli), manifestando estrema vicinanza al mondo delle Pmi e del Mid Corporate, vero tessuto connettivo dell'economia locale e «core business» della Banca, con l'obiettivo di fornire gli strumenti più efficaci per affrontare con successo le sfide presentate dal difficile quadro congiunturale. La strategia della Banca mira ad instaurare rapporti di collaborazione sempre più stretti con le Associazioni di Categoria, nella convinzione che la comune profonda conoscenza del territorio ed il capillare presidio dello stesso possano garantire un valido sostegno agli operatori economici delle zone servite».

m.sanfilippo

© riproduzione riservata

Tags