Il gelato arriva fino in Mongolia Grazie alla Technogel di Grassobbio

Il gelato arriva fino in Mongolia
Grazie alla Technogel di Grassobbio

La Technogel di Grassobbio ha ottenuto una commessa da 665 mila euro per un mega impianto per la produzione di gelati in Mongolia, là dove nella steppa, la colonnina di mercurio scende spesso a precipizio sotto lo zero.

Eppure la voglia di un prodotto simbolo del made in Italy è più forte di tutto. Per l’azienda «c’è l’orgoglio di portare in Asia la nostra tecnologia». La Technogel di Grassobbio ha infatti appena esportato in Mongolia un impianto per la produzione di gelato di alta qualità per un valore di 665 mila euro.

Un’impresa non da poco, questa, anche grazie all’immagine di un prodotto made in Italy di grande presa presso i consumatori e al know how di un’azienda, quella bergamasca, leader nel suo campo e non nuova ad esportazioni di suoi macchinari in mercati lontani.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 4 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA