Sabato 22 Marzo 2014

Regioni, in fumo 82 miliardi

Grande divario tra Nord e Sud

Sanità, un pozzo di sprechi

Spesa pubblica da aggredire, ridurre nella sua parte improduttiva, razionalizzare per assicurare risorse da investire nel taglio delle tasse e nella crescita del Paese.

Dal Forum della Confcommercio in corso a Cernobbio, sul lago di Como, la parola d’ordine è questa e si traduce in un incoraggiamento al governo a muoversi con decisione su questo tratto.

A sostenere il disegno di Confcommercio, la ricerca dell’ufficio studi della stessa associazione che Sangalli ha condensato in «ci sono fra gli 80 e i 100 miliardi di spesa pubblica aggredibili, da qui possono arrivare i risparmi per tagliare le tasse» ha sottolineato ricordando che «la prima cosa da tagliare è l’inutile complessità delle procedure burocratiche che costano in termini di spesa pubblica e di minore produttività per le imprese».

Sotto la lente della Confcommercio sono finiti gli 82,3 miliardi di sprechi nella spesa pubblica regionale. E su questo, come esempio virtuoso, emerge proprio la Lombardia la cui spesa pro capite per i servizi pubblici è di 3.900 euro contro i 9.200 della Valle D’Aosta i quasi 7.500 del Trentino e Sicilia, Sardegna, Calabria e Molise attorno ai 5.500 euro. «In altri termini - sostiene l’ufficio studi di Confcommercio - se ogni regione spendesse in proporzione quanto i lombardi, il risparmio totale sarebbe appunto di 82,3 miliardi», quasi tre volte quanto prevede in un triennio la spending review di Cottarelli.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo di sabato 22 marzo

© riproduzione riservata