Ubi, 330 assunzioni per il digitale  Nella Bergamasca decine di inserimenti

Ubi, 330 assunzioni per il digitale
Nella Bergamasca decine di inserimenti

«La ricerca è rivolta a giovani brillanti laureandi o neolaureati in ingegneria gestionale e informatica, matematica, fisica, economia, giurisprudenza». Si concentra su questi profili la politica di «recruitment» di Ubi Banca, che quest’anno ha in calendario oltre 330 nuove assunzioni (dopo averne già perfezionate 230).

E per 100 di queste è in corso la selezione, rivolta soprattutto a neolaureati. Il tutto fa parte del Piano industriale 2019-2020 che prevede l’inserimento di 1.100 persone nel triennio 2017–2019, «anche in ottica di ricambio generazionale a fronte degli esodi previsti», come si legge in una nota del gruppo. Ed è plausibile che nella nostra provincia gli ingressi si attesteranno intorno a qualche decina di unità.

La necessità di nuovi inserimenti nelle filiali Ubi è legata a doppio filo con le nuove tecnologie sempre più utilizzate anche in ambito bancario. Le posizioni ancora aperte riguardano principalmente le unità di business e le aree di governo e supporto, come information technology, risk management, compliance, amministrazione, finanza e controllo. Per le aree di governo e supporto della banca sono circa 20 le posizioni in amministrazione, finanza e controllo, compliance, risk management, It governance, data & security, customer analytics & data governance: in questo ambito è in corso la ricerca di profili professionali di data scientist.

Per l’unità di business, invece, le posizioni sono circa 40: global transaction banking, ovvero gestione operatività commerciale estera dei clienti (posizioni di sales trade & cash e addetti transaction banking unit); corporate & investment banking (posizioni distribuite tra le diverse funzioni della finanza d’impresa, con particolare focus sul M&A advisory); retail banking (posizioni di consulente di filiale); top private banking (figure di assistant top private, cui si rivolge il programma accelerato di formazione e sviluppo studiato per accompagnare alla professione di private relationship manager).

La ricerca è estesa a tutto il territorio nazionale e le posizioni sono riferite a tutte le aree di presenza del gruppo, con un peso prevalente nelle città dove si trovano i principali centri direzionali. Diverse inoltre in Ubi le opportunità di stage curriculari ed extracurriculari che rappresentano l’occasione di un primo contatto con il mondo del lavoro per giovani studenti e neolaureati. Le attività di tirocinio attualmente disponibili sono 20 e si concentrano nelle strutture di corporate finance, It governance data & security ed omnichannel & digital innovation. Tutte le posizioni aperte sono consultabili on line nella sezione dedicata del sito e sulla pagina LinkedIn del gruppo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA