Quattro Rose d’oro Ais per i vini bergamaschi

Quattro Rose d’oro Ais
per i vini bergamaschi

È in crescendo la qualità dei vini lombardi e quelli bergamaschi tengono il passo. Questo in sintesi il leit motiv del ponderoso volume della Guida Viniplus 2018, con i più autorevoli consigli sulle eccellenze vinicole lombarde, secondo il giudizio dei sommelier dell’Ais Lombardia.

Lo stesso presidente della Regione, Roberto Maroni, con l’assessore all’Agricoltura Gianni Fava, hanno con piacere preso atto che «in 15 anni i vini lombardi hanno raddoppiato i volumi esportati, grazie alla crescita costante della qualità». La fotografia che emerge dalla Guida (un complesso lavoro di assaggi svolto da 108 degustatori professionisti) è quella di un comparto vitivinicolo lombardo in grande salute un po’ in tutti i territori che lo compongono. A testimonianza di questo, l’assegnazione di 50 Rose d’Oro (legate alla valorizzazione del vitigno e del territorio, oltre che alla qualità del vino) e 144 Quattro Rose Camune (legate principalmente alla qualità del vino).

La copertina della guida

La copertina della guida

Ricordiamo i vini bergamaschi premiati con i migliori giudizi. Le Rose d’Oro 2018 sono quattro nella nostra provincia, tutti vini passiti: Exentia 2011 Vino bianco passito di Biava; Goccio di Sole 2014 della Caminella; Moscato di Scanzo Serafino 2013 de Il Cipresso; Valcalepio Moscato Passito di Gandosso 2006 di Tallarini.
Le Quattro Rose Camune sono state assegnate a 5 vini orobici
: Bergamasca Moscato Giallo Laurenzio 2013 di Angelo Pecis; Metodo classico Brut Rosé Cretarium di La Rocchetta-Podere Castel Merlo; Rosso della Bergamasca Donna Marta Rosso 2012 Le Mojole; Il Passito di Giulia 2015 di Eligio Magri; Valcalepio Rosso 2015 Medolago Albani.

Le cantine bergamasche segnalate nella Guida sono in totale 24. Oltre a quelle citate che hanno meritato le votazioni più alte, sono recensiti e giudicati i vini di altre 15 cantine, alcune delle quali piccole ed emergenti: Cà del Manèt, Cà Verde, Cantina Val San Martino, Casa Virginia, Cascina del Bosco, Cavalli Faletti, Cerri, De Toma, La Rodola, Locatelli Caffi, Magri Sereno, Sant’Egidio, Tenuta Castello di Grumello, Tosca, Valba.

Per arrivare a questa pubblicazione, l’Ais Lombardia ha organizzato la degustazione di oltre 900 campioni e ha recensito 235 cantine. I risultati si trovano in un volume di 560 pagine, illustrato con tutte le etichette dei vini consigliati. «Il settore vitivinicolo in Lombardia, Bergamasca compresa – afferma Roberta Agnelli, delegata Ais per Bergamo - ha tutte le potenzialità per conquistare nuovi mercati. Tocca ai ristoratori e ai sommelier valorizzare e consigliare una produzione che si distingue per una qualità sempre migliore».

© RIPRODUZIONE RISERVATA