Ardesio DiVino, degustazioni dalla Valle Seriana alla Valtellina

Ardesio DiVino, degustazioni
dalla Valle Seriana alla Valtellina

Un territorio, la sua agricoltura, la sua cucina, i suoi vini. Il Seminario Permanente Luigi Veronelli, associazione senza scopo di lucro che riunisce i migliori operatori della vitivinicoltura, dell’artigianato alimentare e della ristorazione d’Italia, in occasione dell’undicesima edizione di Ardesio DiVino, rassegna dedicata ai vini e ai cibi di qualità, presenta il ciclo «Finché monte non ci separi. Valtellina: agricoltura e gastronomia d’eccellenza... oltre le Orobie».

Un percorso di incontri e degustazioni guidate che condurrà idealmente i partecipanti dalla Valle Seriana alla Valtellina per incontrare un grande terroir del vino italiano, per scoprire la sua originale cucina ma anche per intessere relazioni tra due luoghi vicinissimi dal punto di vista geografico, divisi però dalle Alpi Orobiche.

«La Valtellina è una terra ricca di giacimenti gastronomici, in primo luogo i grandi vini rossi da uve nebbiolo, localmente detto “chiavennasca”, le produzioni lattiero-casearie, le carni e la frutta. Una ricchezza resa ancor più preziosa dallo sforzo “eroico” imposto agli agricoltori dalla montagna, dai suoi terreni scoscesi e dal rigore del clima alpino. Un distretto che riteniamo sia meno noto di quanto meriti: per questo abbiamo voluto dedicargli l’approfondimento territoriale che ogni anno la nostra Associazione ha il piacere di organizzare all’interno di Ardesio DiVino. Un’ottima occasione per presentare la Valtellina, il suo patrimonio agricolo e culturale alle migliaia di persone che percorreranno lo splendido centro storico di Ardesio alla ricerca di assaggi di qualità. È anche un modo per mettere in rete - sui due versanti delle Orobie - idee, spunti, riflessioni circa i “possibili divenire” delle comunità alpine a partire dalla scoperta d’un vino mai assaggiato prima, di una nuova ricetta» - ha anticipato Andrea Bonini, Direttore del Seminario Permanente Luigi Veronelli.

Primo appuntamento con il cammino nel gusto curato dal Seminario Veronelli è venerdì 31 luglio alle ore 21.00, con la Cena DiVina «Valtellina: cucina di bosco, di pascolo e di campo», presso l’Albergo Ristorante Bigoni in Piazza Moretto 25. Un racconto in forma di cena dedicato ai piatti della tradizione valtellinese preparati da Caterina Moraschinelli - ristoratrice di Aprica, bergamasca d’adozione e socia onoraria dell’Accademia del Pizzocchero di Teglio - e dallo chef Davide Bigoni, patron dell’Albergo Ristorante Bigoni. Cinque semplici proposte - proprio perché semplici, difficili da eseguire alla perfezione - abbinate ad altrettanti vini delle case vinicole Rainoldi e Triacca associate al Seminario Veronelli, con una breve presentazione dei paesaggi agrari e dei saperi culinari in collaborazione con il Prof. Paolo Tegoni dell’Università di Parma.

Sabato 1 agosto, inoltre, alle 17.30, Andrea Alpi, responsabile della Didattica e della Formazione del Seminario Veronelli, condurrà la degustazione «Valtellina, i mille volti d’un vigneto verticale», guidando i presenti alla scoperta delle tipologie dei vini valtellinesi, apprezzando le peculiarità di ogni singola sottozona. Domenica 2 agosto, alle ore 11, Caterina Moraschinelli sarà ancora protagonista con «Frammenti di cucina alpina», showcooking dedicato alle ricette, alle tecniche e ai piccoli segreti della tradizione culinaria valtellinese.

Infine, sempre domenica, alle ore 18.30, gli assaggi si alterneranno alle letture con «In mezzo scorre il fiume - Rafting multisensoriale» al quale parteciperanno Luigi Ottoni, attore e regista diplomatosi all’Accademia d’Arte Drammatica Silvio D’Amico di Roma e per dodici stagioni sul palco del Piccolo Teatro di Milano, Dante Borsetto fisarmonicista e compositore, autore di musiche per teatro scritte per importanti istituzioni quali La Fenice di Venezia, lo Stabile di Bolzano e il Teatro dell’Opera di Francoforte, e i vini di Valtellina presentati da Andrea Alpi, per un’ideale discesa dell’Adda a base di profumi, sapori, musica e teatro.

Le degustazioni e gli incontri proposti dal Seminario Permanente Luigi Veronelli in occasione della manifestazione sono patrocinati da Regione Lombardia – Il Consiglio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA