Da Bergamo a Trento per la cucina regionale

Da Bergamo a Trento
per la cucina regionale

È iniziato dalle Cantine Ferrari (per proseguire con il convivio al ristorante Due Mori, la visita alla sotterranea città romana e al Muse) il tour a Trento organizzato dalla segreteria dell’associazione Ristoranti Regionali-Cucina Doc.

(www.ristorantiregionali.it – presidente la bergamasca Marinella Argentieri, sede a Vercurago). Dai primi anni Settanta, l’associazione sostiene il ruolo dell’enogastronomia del territorio intesa come espressione di cultura e componente essenziale dell’ offerta turistica italiana. Trento è sicuramente tra le mete più interessanti da questo punto di vista .

Entrando alla Ferrari, nello spazio dedicato all’accoglienza, trovi le fotografie degli ospiti illustri che hanno preceduto la tua visita o hanno brindato nel mondo con le famose bollicine: Enzo Ferrari che, complice l’omonimia, dà il via al rito di festeggiare il podio della Formula 1 con il Trento Doc più conosciuto; Sandro Pertini dal 1978 vuole Ferrari come spumante al Quirinale sostituendolo allo Champagne; e poi personalità dell’arte, della moda, della politica internazionale. Volti felici ritratti accanto ai componenti della famiglia Lunelli, senza ostentazione, con amichevole semplicità.

Mauro Lunelli con Marinella Argentieri

Mauro Lunelli con Marinella Argentieri

Ci accoglie Mauro Lunelli, enologo che nel 1972 ha dato vita al «Giulio Ferrari», il top della produzione che si realizza solo con le uve delle annate migliori e riposa in bottiglia per 8-10 anni prima di essere messo in vendita. Una guida di eccezione, quella di Mauro, non solo per la competenza, ma soprattutto per l’amore che trasmette presentando l’attività e la storia dell’azienda di famiglia, iniziando dal banco di vini d’asporto aperto dal padre Bruno nel 1927 in via Cavour a Trento, assoluta novità per l’epoca, poi trasferito in largo Carducci.

Nel 1952, la svolta: Giulio Ferrari, burbero produttore di spumante, anzi di Champagne (perché fino al 1947 è così che si poteva chiamare), non avendo figli sceglie tra molti candidati Lunelli come suo successore. L’enorme sforzo economico per ritirare l’attività è ripagato da successi rapidi e continui. Da Bruno e dalla moglie Elda, sempre attivamente al suo fianco, nascono cinque figli ai quali trasmettono i principi di onestà, laboriosità, ricerca dell’eccellenza che sono le solide basi dell’azienda, che con grande eleganza rappresenta lo stile italiano nel mondo. Lo scorso anno sono state prodotte 4.500.000 bottiglie di bollicine che riposeranno, per un tempo variabile, ordinatamente accatastate nel «caveau» della vasta cantina, che complessivamente contiene oggi ben 20 milioni di bottiglie.

Lasciata la Ferrari, con il desiderio di tornare per conoscere il suo prezioso gioiello (Locanda Margon, dimora cinquecentesca dalla storia sontuosa, con sontuoso ristorante), raggiungiamo il centro storico di Trento dove pranziamo all’Antica Trattoria Due Mori, ospitata in un palazzo del ‘500 . Qui Fabio e Lucia Dal Palù dal 1988 propongono succulenti piatti della tradizione. Oggi sono affiancati dai tre figli, Martina, Marzio e Roberta Da sempre associati al gruppo Ristoranti Regionali-Cucina Doc, hanno portato le specialità trentine in numerosi «festival gastronomici» organizzati dall’associazione, in Italia e all’estero. Un anno dopo l’apertura del locale, hanno affidato la cucina all’executive chef Giacomo Franini che arriva da Bergamo, dove ha iniziato la sua carriera lavorando in locali di prestigio. Fabio ha deciso di proporre il «menù a la carte» del ristorante, dando prova di coerenza e autenticità.

La famiglia Dal Palù all’esterno dei Due Mori. Nella foto d’apertura tagliatelle al mirtillo nero e ragù di capriolo

La famiglia Dal Palù all’esterno dei Due Mori. Nella foto d’apertura tagliatelle al mirtillo nero e ragù di capriolo

Il pranzo è iniziato con la trota del Sarca marinata in carpione, alla quale è seguito un delicato risotto al limone, rosmarino e formaggio Cassolet della Val di Sole; quindi si sono assaggiate delle gustose tagliatelle di mirtillo nero con ragù di capriolo per proseguire con una saporita punta di filetto di struzzo (da allevamento trentino) al forno. Roberta ha preparato per gli ospiti una deliziosa crostata di mirtilli e suo fratello Marzio ha scelto, con competenza, i vini delle Cantine Monfort di Lavis in abbinamento al menù.

Al termine del pranzo, una passeggiata fino a Piazza Duomo percorrendo la «Contrada larga», una delle più belle e colorate vie della città, ricca di palazzi e case patrizie: palazzo Thun, palazzo Geremia, palazzo Alberti Colico, le case Cazuffi e Rella affrescate con figure mitologiche e floreali risalenti al XIV secolo, che testimoniano il prestigioso passato della città, iniziato già in epoca romana.

L’archeologa Maria Raffaella Caviglioli, dei Servizi educativi della Sopraintendenza per i beni culturali di Trento, ha accompagnato i giornalisti alla scoperta di Tridentum romana, nel sottosuolo del centro storico, lo «splendidum municipium» come lo definì l’imperatore Claudio nel 46 d.C. A conclusione del tour, la visita al Muse, Museo della scienza progettato da Renzo Piano. Nel luminoso edificio ecosostenibile, l’ambiente naturale del Trentino è a portata di mano, le simulazioni multimediali completano ed arricchiscono le informazioni; un’opera che fa onore al genio creativo del più apprezzato architetto italiano contemporaneo ed aggiunge valore alla città che la ospita.

Roberto Vitali


© RIPRODUZIONE RISERVATA