Honda Forza 125 Design e tecnica

Honda Forza 125
Design e tecnica

Nuovo nel design e nella tecnica, l’Honda Forza 125 prende il largo nel difficile mondo degli scooter moderni da bassa cilindrata.

L’ergonomia offre grande comfort sia al pilota che al passeggero, la protezione aerodinamica è assicurata dal parabrezza regolabile, capace di adattarsi a qualsiasi percorso, dalle strade più scorrevoli al intenso traffico cittadino. Lo spazio sottosella è di 48 litri di capacità, per stipare borse e zainetti o, ovviamente, due caschi integrali.

Nel vano portaoggetti anteriore c’è una presa a 12V per ricaricare i propri device di uso quotidiano; i gruppi ottici Full-Led sottolineano la modernità del mezzo. Il nuovo motore eSP (enhanced Smart Power) da 125 cc raffreddato a liquido è una sofisticata unità con distribuzione monoalbero a 4 valvole progettata per offrire la massima spinta a tutti i regimi.

L’accelerazione da fermo è ottima per un 125 cc, e la ripresa in corsa, perfino da 90 km/h, sorprendente. Grazie alle tecnologie Honda per la riduzione degli attriti interni, l’efficienza dei consumi è ottimale, ben 43,5 km/l nel ciclo medio Wmtc.

Il telaio in acciaio è stato progettato con geometrie di interasse e sterzo improntate a un rassicurante mix tra maneggevolezza e stabilità. L’assetto è confortevole, con steli da 33 mm per la forcella telescopica e doppi ammortizzatori posteriori. Tra i «ruote basse» il nuovo Forza 125 offre i cerchi di maggiore diametro, 15 pollici all’anteriore e 14 pollici al posteriore, che significano più comfort sui tratti dissestati e maggiore sicurezza ad alta velocità.

Stessa sicurezza offerta dall’impianto frenante, composto da freni a disco di grande diametro con sistema ABS a due canali di serie. Unico nella sua categoria - insieme ai «fratelli» Honda SH e PCX - il nuovo Forza 125 è dotato del sistema Start&Stop. Spegne automaticamente il motore dopo tre secondi di funzionamento al regime di minimo e con i freni azionati, per riavviarlo immediatamente non appena viene ruotata la manopola dell’acceleratore per ripartire.

Infine, per evitare la remota possibilità che la batteria si scarichi, la centralina è in grado di rilevarne lo stato di carica e, se necessario, disattivare momentaneamente lo Start &Stop. Per questo motivo, la batteria è un’evoluta unità YTZ8V a lunga durata,utile per chi abbandona le due ruote nella stagione fredda.

Sergio Villa


© RIPRODUZIONE RISERVATA