Verso Ginevra/4 Opel cala il suo tris

Verso Ginevra/4
Opel cala il suo tris

Opel porterà tutta la sua passione per le automobili all’86° Salone Internazionale dell’Automobile di Ginevra (dal 3 al 13 marzo 2016) con l’anteprima mondiale della GT Concept, la sportiva del futuro, diretta discendente della Experimental GT, prima concept car mai presentata da un costruttore europeo nel 1965. La Casa di Rüsselsheim presenterà al pubblico anche l’inedita Mokka X.

Il nuovo Suv compatto - Mokka X - intende rafforzare il successo del predecessore con un design della carrozzeria ancora più moderno, un abitacolo rinnovato e un’offerta di infotainment e connettività all’avanguardia.

Attenzione al tris: a Ginevra sarà presentata anche la nuova Astra che occuperà un posto di tutto riguardo allo stand Opel (numero 2231) al Padiglione 2 di Palexpo. La compatta Opel dimostrerà non solo di essere perfettamente adatta alla guida quotidiana ma di possedere anche spiccate doti sportive grazie all’arrivo - anteprima internazionale - della versione TCR. Karl-Thomas Neumann, ceo di Opel Group, svelerà tutte le novità durante la conferenza stampa che si svolgerà il 1 marzo alle ore 11.

«Le nostre stelle in mostra a Ginevra fanno vedere esattamente cosa è Opel oggi. La GT Concept dimostra che siamo innovativi e sappiamo esattamente dove stiamo andando. Nuova Astra e nuovo Mokka X dimostrano che ascoltiamo i nostri clienti e li mettiamo al centro di tutto quello che facciamo. Astra TCR conferma che siamo all’altezza della nostra tradizione sportiva con tutte le sue connotazioni emotive», osserva Neumann.

Per quanto riguarda l’anteprima assoluta di Mokka X, Opel ha rivisto completamente il proprio Suv compatto e ne ha modificato il nome aggiungendovi una X, simbolo di una personalità avventurosa, che sarà il segno di identificazione dei Suv e dei crossover Opel del futuro. La nuova carrozzeria è particolarmente aggressiva. Il nuovo frontale è in linea con la più recente filosofia stilistica Opel grazie alla griglia anteriore orizzontale ridisegnata e alle luci per la marcia diurna a LED con la tipica, ed evidente, doppia ala.

Le superfici scolpite della zona anteriore sono più precise ed eleganti e si distinguono per il minor numero di elementi in plastica. Il risultato è una vettura dall’aspetto più largo e robusto. Lo stesso design si ritrova anche sul retro dove compare nuovamente la doppia ala, questa volta nei gruppi ottici posteriori. La fiancata conserva tratti scolpiti ed eleganti e un aspetto sportivo caratterizzato da linee ribassate ravvivate dalla tipica «lama» Opel che sale verso l’alto.

D. V.


© RIPRODUZIONE RISERVATA