Dalle collane alle pochette Treviglio, Fem gioca in rosa

Dalle collane alle pochette
Treviglio, Fem gioca in rosa

Un’esplosione di borchie, resine colorate, passamanerie, fiocchi e tessuti. Un’esplosione di entusiasmo per queste tre donne che il loro «piano b della vita» lo hanno già individuato. E lo stanno coltivando, partendo da una passione incredibile per gli accessori moda: dalle collane alle borse.

C’è allora Mary Belloli, 40 anni, con un negozio di abbigliamento a Castel Rozzone e un piglio commerciale perfetto per ben amministrare il nuovo progetto; Federica Pala, 26 di Brignano, creativa e con sempre la matita in mano per disegnare modelli, creare abbinamenti, e poi c’è Erika Gariboldi, 30 anni di Treviglio, la «contabile» del gruppo, tra business plan «fatti in casa» e tabelle di produzione (nella foto da sinistra Erika, Federica e Mary).

Insieme sono «Fem», marchio in via di registrazione, nato la scorsa estate con il sogno di creare un’etichetta di moda fatta di tessuti pregiati e applicazioni modaiole, peculiarità dei loro accessori, tra pietre, gros grain e sete. E pensare che le tre fanno altro nella vita: Federica si occupa di comunicazione nel settore dei viaggi, Erika lavora nell’ufficio comunicazione di una grande azienda e Mary è titolare di «Iride Boutique».

Una pochette e una collana «Fem»

Una pochette e una collana «Fem»

Pronte ora per il salto nella moda, con due laboratori artigianali a Bergamo e Milano che supportano la produzione: «Ciò che ci unisce sono l’amicizia e la passione per la moda oltre che una spiccata creatività - commenta Federica -. Siamo un pozzo inesauribile di idee e ora cerchiamo di realizzare tutti i nostri progetti, perché nonostante Fem sia un brand nato quasi per scherzo e nonostante le difficoltà contingenti del settore, ci sta dando le prime soddisfazioni». Prima con le collane, ora con le borse che sono in via di commercializzazione, con i primi scatti sulla pagina Fb di «Fem».

Prossimi step? «Prima un grazie all’esperienza sartoriale di Iride Bosco, e poi ancora molti passi da compiere: ci servono un atelier e una rete commerciale per la distribuzione. Vogliamo dare solidità nel tempo a questo lavoro, quindi preferiamo procedere passo dopo passo, con cautela». Con un obiettivo a breve: «Aprire un temporary per Natale». Pietre e nastri sono un must sotto le feste.


© RIPRODUZIONE RISERVATA