Pinetti,non solo cartoleria tra nuove borse e l’accessorio casa
Sopra alcune nuove cartelle Pinetti, sotto la lavorazione del pellame

Pinetti,non solo cartoleria
tra nuove borse e l’accessorio casa

Diversificare per attirare nuovi clienti, perché la cartoleria è cambiata e si è evoluta negli anni della tecnologia.

E anche perché un’azienda storica come quella di Pinetti di Brusaporto ha voglia di stupire. E di reinventarsi. Non a caso tre su quattro in famiglia sono architetti: papà Alberto, i figli Andrea e Lorenzo che ancora portano avanti progettazioni e nuove idee di design che ora più che mai si traducono in prodotti. Da qui, dopo accessori per la scrivania e una linea casa che già era stata lanciata la scorsa stagione, l’azienda di Brusaporto ha fatto la scelta di dare un taglio più fashion alle sue borse da viaggio, con nuovi modelli per la quotidianità e nuove cartelle da lavoro. Tutto, come sempre, rigorosamente fatto a mano, eccellenza di un’azienda nata oltre trent’anni fa e con uno spirito imprenditoriale che punta sull’artigianalità.

«Nasciamo nella Bergamasca e manteniamo la produzione nella Bergamasca – spiega Lorenzo Pinetti -. Da qui parte tutta la nostra filosofia: il nostro lavoro spinge sul fatto a mano e su un made in Italy autentico. Questo è ciò che ci premia e ci ha permesso di alzare ancora il livello di qualità, con materiali sempre più eccellenti e personalizzazioni che hanno richiamato nuovi clienti».

Pinetti a Brusaporto, la lavorazione della pelle

Pinetti a Brusaporto, la lavorazione della pelle

Francia, Germania e Svizzera sono i Paesi di punta in Europa, ma poi c’è il Giappone, che ama questo tipo di prodotto: «E ora vogliamo tornare anche negli Stati Uniti – continua Lorenzo Pinetti -. Il mercato qui si è praticamente depauperato: i nostri referenti negli Usa hanno chiuso tutti perché la tecnologia ha ridotto il settore della cartoleria. Ma ora, con il nostro nuovo comparto living, ritorniamo a fare fiere e a interessare il mercato».

La sfera della casa piace all’America, così come al Giappone, dove tra l’altro Pinetti si è rafforzato attraverso la creazione di una società in partnership con un socio locale. Prevista un’apertura di un monomarca, mentre il marchio è già presente nei principali department-store del Paese: «L’area living presenta prodotti per la tavola, vassoi e contenitori, anche giochi da tavolo, cesti e contenitori portariviste, oltre a tutta una linea dedicata alla scrivania: una nuovissima collezione che si sta sviluppando e che sarà presentata a Maison Object a Parigi ma anche al prossimo Salone del Mobile di Milano». Con un occhio a Expo: «Nel nostro monomarca di corso Garibaldi organizzeremo eventi ad hoc per attirare i turisti stranieri».

Questo mentre a Firenze sono in bella mostra nuove borse da viaggio, sacche, cartelle, borse per tutti i giorni, e un modello nuovissimo che riprende la forma della vecchia cartella da scuola, ma con dettagli contemporanei e colori moderni.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 15 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA