Giovedì 12 Aprile 2012

Val Gandino in mtb
Ecco la guida!

È stata presentata al palazzo Mosconi di Leffe la nuova guida «Val Gandino in MTB», dedicata agli appassionati del pedale e delle ruote artigliate e promossa da Leffegiovani e dal Distretto de «Le Cinque Terre della Val Gandino».

È intervenuto anche don Chino Pezzoli per approfondire il tema «Un uomo solo al comando», legato all'impegno nel volontariato e nello sport. La guida «Valgandino in MTB» è tecnicamente molto dettagliata con rilievi satellitari e altimetrie. Presenta 13 itinerari da percorrere in mountain bike sui monti che fanno da corona a Leffe, Gandino, Peia, Casnigo e Cazzano S.Andrea.

«Questa pubblicazione – spiega Gian Pietro Mosconi che ha lavorato al progetto – è il risultato delle soddisfazioni che ho potuto apprezzare praticando questo sport ed esprime la voglia di spiegare a tutti la bellezza della nostra Valle e la suggestione di itinerari che possono sosddisfare gli atleti più esperti ma anche i neofiti».

Si parte toccando Leffe e Peia e la località Ceride, salendo poi al Monte Croce, alla Forcella di Ranzanico, alla Madonna del Pizzo e in Poiana e Orenga. Non mancano naturalmente le zone panoramiche di Valpiana e la conca del Farno, con il Formico e la Montagnina, ma anche la Madonna d'Erbia sopra Casnigo.

Ben segnalati i punti di appoggio logistico e ristoro, in particolare il Rifugio Parafulmine (a quota 1536 mt.), la Baita Monte Alto (a mt. 1380) e la Malga Lunga (a mt. 1235). Da domenica 29 aprile verrà riaperto anche il Rifugio Monte Farno «da Cati» in territorio di Gandino. La guida “Val Gandino in MTB” è scaricabile sul sito www.lecinqueterredellavalgandino.it o nel pdf allegato alla notizia e sarà in distribuzione presso negozi specializzati e uffici di promozione turistica.

Scarica la guida nel pdf allegato

a.ceresoli

© riproduzione riservata