Sabato 08 Febbraio 2014

Giro del mondo: sì può

Nasce un tour operator

Alla domanda «cosa faresti se vincessi alla lotteria?». La risposta più comune è «viaggiare intorno al mondo». La buona notizia è che fare il giro del mondo sta diventando sempre più semplice e conveniente.

Parola di Matteo Pennacchi, romano di 42 anni, che di viaggi intorno al mondo ne ha collezionati ben tre. «Quando i miei genitori, dopo la laurea, gli chiesero se preferivo il motorino o i soldi in regalo, ho optato di investire in un’esperienza. Con il mio miglior amico norvegese, abbiamo viaggiato on the road attraverso i 5 continenti, facendo spettacoli di magia nei bar, vivendo zaino in spalla e lavandoci in mare», racconta.

Il secondo giro del mondo lo ha realizzato “senza soldi e senza bagagli», in 109 giorni, dopo aver lasciato lavoro, compagna e appartamento. Il terzo, infine, è stato il primo giro del mondo interattivo, in cui la gente da casa decideva - tramite un sito internet - dove farlo andare e quali azioni fargli fare: iniziative che andavano dall’umanitario in Etiopia alla cultura in Sud Africa, dall’ecologia in Indonesia allo sport in Patagonia.

Ora Matteo, che è consulente per un grande operatore turistico, ha deciso di creare il primo marchio specializzato solamente in giri del mondo. «Ho creato un tour operator che propone al mondo qualcosa che non c’è - spiega - viaggi per tutti con i prezzi migliori, saltando qualsiasi filtro».

Il viaggio intorno al mondo, per essere fatto bene, dovrebbe durare circa 3 mesi, secondo Pennacchi, che tuttavia ha modulato varie tipologie a seconda dell’utente finale: viaggi per i più giovani che durano 5-6 mesi, di sole 3 settimane, per la terza età e viaggi a tema per chi ha una passione o segue un determinato settore merceologico: ad esempio il giro del mondo dei migliori campi da golf, dei safari, delle meraviglie naturali, dei siti sacri o dei circuiti di Formula 1.

Dall’Italia ogni anno solo un centinaio di persone fanno un viaggio intorno al mondo, mezzo milione nel mondo. «Il mercato in Italia è ancora vergine - ragiona Matteo Pennacchi - ma i costi sono sempre più bassi e quindi questo segmento avrà presto una veloce espansione. Inoltre, anche per il curriculum di un giovane o meno giovane, fare un giro del mondo dà una sorta di punteggio, costituisce un salto in più». I costi sono contenuti: i biglietti aereo, in voli di linea, costano in tutto 1000-1200 euro, partendo per esempio da Londra, per un giro che comprende Bangkok, Sidney, Los Angeles, New York, con ritorno a Londra. “Per me viaggiare è come per gli astronauti vedere la terra dal di fuori...è la più bella sensazione che l’essere umano possa sentire, ci fa rendere conto della bellezza della terra. Nei miei tre viaggi ho spesso avuto l’impressione di riuscire ad abbracciare la terra», sintetizza Matteo. Il nuovo tour operator, grazie ad accordi con i principali specialisti in biglietti di viaggi intorno al mondo, propone ai viaggiatori le migliori soluzioni, mettendoli poi in contatto diretto con i partner e corrispondenti che operano sul campo.

Per gli amanti del genere è anche possibile fare un giro intorno al mondo con la nave: Costa Deliziosa è partita da Savona il 6 gennaio 2014 e farà ritorno sempre a Savona il 16 aprile 2014: in 100 giorni la nave circumnavigherà il globo compiendo lungo il suo itinerario 38 scali e proponendo 380 escursioni diverse, portando i 2100 ospiti a scoprire i cinque continenti e a solcare i sette mari. Il successo dell’iniziativa ha spinto la compagnia a pianificare anche per il 2015 una nuova crociera «Giro del mondo» con Costa Deliziosa che partirà da Savona il 6 gennaio 2015 e durerà 115 giorni.

MSC Crociere annuncia invece un «grand voyage» a bordo di Msc Orchestra nel 2015, un’avventura esotica, che partirà il 21 febbraio del prossimo anno, tra i deserti degli Emirati Arabi Uniti, le megalopoli e i siti dell’Asia prima di raggiungere ed esplorare le coste dell’Australia. Royal Caribbean, infine, propone viaggi intorno al mondo in una formula un pò inusuale: gli itinerari delle due navi gemelle di Azamara Club Cruises - brand extralusso del gruppo - permettono ai viaggiatori di poter prolungare la propria esperienza a bordo combinando più viaggi consecutivi in tutto il mondo senza correre il rischio di visitare scali già visti

© riproduzione riservata