Catena di Sant’Antonio 2.0 Lo scambio di libri si fa online

Catena di Sant’Antonio 2.0
Lo scambio di libri si fa online

Una sorta di «catena di Sant’Antonio» versione 2.0 dal sapore letterario: la si può leggere in questi giorni nelle bacheche dei propri contatti Facebook.

Lo status condiviso è questo: «Ciao a tutti! Mi servirebbero almeno 6 persone di qualsiasi età per partecipare a uno scambio di libri! Ne varrà la pena. Potete trovarvi ovunque nel mondo, più lontano arriviamo meglio è! Dovete solo comprare un libro e inviarlo a una persona, riceverete approssimativamente 36 libri. Fatemi sapere se siete interessati e vi dirò i dettagli!».

Come funziona? Semplice: gli interessati che commenteranno lo status, dovranno inviare alla persona da cui il proprio contatto ha copiato lo status un libro; chi contatterà loro dovrà fare altrettanto e così via. Un modo, in un’epoca sempre più virtuale e in cui gli e-book stanno sostituendo sempre più il piacere della carta stampata, di riappropriarsi della lettura cartacea, affidandosi ai gusti di completi sconosciuti e magari scoprendo autori e romanzi che mai ci si sarebbe immaginati.

Santalessandro.org sta sperimentando questa iniziativa per poter poi raccontare se effettivamente funzioni o meno. Finora hanno ricevuto diverse adesioni e le motivazioni che hanno spinto le persone a parteciparvi sono le più disparate: da chi abitando all’estero non riesce a trovare libri nella propria lingua, chi spinto da semplice curiosità nel vedere se la catena funzioni e chi da amante della lettura non poteva farsi sfuggire una simile occasione.

Cristina vuole «vedere se è possibile con il social network far funzionare delle iniziative che contemplano fiducia verso sconosciuti e scambio di cultura»; a Deanna piace molto l’idea di questa catena di lettura con persone che non si conoscono ed è incuriosita dal non sapere che tipo di libri riceverà.

In una era come questa è bello ricordarsi della semplicità che avevamo fino pochi anni fa e che tramite la posta ordinaria si possono inviare libri a persone sconosciute che certamente li apprezzeranno.

Leggi tutta la notizia su santalessandro.org

© RIPRODUZIONE RISERVATA