Martedì 28 Dicembre 2010

Padoin: «Nel ritorno a Bergamo
batteremo tutte le nostre rivali»

I tifosi atalantini possono tirare un sospiro di sollievo. Simone Padoin resta a Bergamo, nonostante le ultime voci di mercato mettano in evidenza un interessamento del Palermo nei confronti del prezioso jolly nerazzurro.

«Ho letto questa notizia, ma non ne so nulla - afferma il giocatore friulano -. Sicuramente resto, perché ormai questa è la mia seconda casa. Ho avuto modo di parlare con il presidente e sono a conoscenza del progetto importante».

Per il centrocampista nerazzurro l'annata è stata positiva dal punto di vista personale, anche se ora si ritrova a combattere sui campi della serie cadetta. «Nei primi sei mesi abbiamo vissuto una situazione difficile, durante la quale abbiamo cercato di risistemare le cose, ma senza successo. Dopo siamo rinati, e dobbiamo continuare su questa strada per raggiungere la serie A».

«Sono soddisfatto a livello personale, anche se è giusto anteporre la situazione della squadra in tutto l'arco dell'anno solare: mi assumo le mie responsabilità, perché sono retrocesso insieme ai miei compagni. Finalmente abbiamo passato vacanza serene dopo la vittoria di Cittadella».

Guardando al presente, Simone Padoin è convinto che in questo momento la squadra atalantina è ben cosciente di cosa sia la serie cadetta. «Ora abbiamo finalmente trovato un'altra mentalità, ci aiutiamo e giochiamo da squadra, come abbiamo dimostrato nell'ultimo match. Prima avevamo troppe battute d'arresto anche nella stessa partita, mentre adesso abbiamo cambiato marcia e basta guardare la classifica per notarlo».

Tre punti dalla vetta sono un margine facilmente colmabile: nel girone di ritorno l'Atalanta dovrà puntare sul fattore campo per conquistare la serie A, visto che al Comunale verranno a giocare squadre del calibro di Novara, Siena e Varese.

«Ci manca qualche pareggio, dato che abbiamo perso tutti gli scontri diretti ad eccezione di quello con il Torino. Abbiamo un girone intero per recuperare e vincere il campionato. Saremmo avvantaggiati dal fatto di giocare in casa le sfide contro le big: il nostro pubblico ci darà una mano a vincere. Possiamo migliorare il nostro gioco e lavoreremo per questo».

Simone Masper

m.sanfilippo

© riproduzione riservata