Sabato 17 Novembre 2012

«Stadio, tifosi-genitori scorretti
Mai più a vedere una partita»

«Buongiorno, vorremmo associarci alla lettera scritta dal signor Michele, riguardo all'aggressione subìta allo stadio prima di Atalanta-Inter a causa di una sciarpa dell'Inter, per segnalare comportamenti scorretti da parte di tifosi che avevano addirittura bambini insieme a loro». 

«Durante la partita siamo stati vittime di comportamenti deplorevoli di persone in Curva Nord che, nonostante accompagnassero bambini (visibilmente spaventati dal comportamento dei genitori), non hanno esitato a insultare e minacciare tifosi interisti posti dall'altra parte del vetro di protezione, con ingiurie e lancio di bevande, colpendo anche altri bambini e tifosi atalantini (che hanno subito dimostrato il loro disprezzo nei confronti di questi gesti) solamente per avere esultato al gol dell'Inter».

«Credo sia inammissibile che un tifoso in generale, ancor piu se accompagna dei bambini o delle famiglie, si comporti in questo modo perché è diritto di tutti tifare la squadra che si vuole, supportandola allo stadio».

«Di questo passo, non credo possa trovare molti sviluppi la campagna di abbonamenti alle famiglie, perché mai e poi mai porterei mio figlio allo stadio per vedere comportamenti come questi. Ci tengo a precisare che ero allo stadio insieme ad altri tifosi atalantini, come credo sia giusto, che si sono comportati in modo corretto e sportivo, limitandosi a tifare e a scherzare in modo amichevole (cosa piu che comprensibile) ai vari gol».

«Sicuramente posso affermare che non mi recherò mai più allo stadio, perché rischiare danni solamente perché gente priva di ogni umanità vive per aggredire tifosi di altri squadre non è assolutamente accettabile, né ora, né mai. Vi ringrazio per l'attenzione, porgo i piu cordiali saluti».

Nunzio

m.sanfilippo

© riproduzione riservata