Lunedì 29 Luglio 2013

Grazie a Remer, Vivigas e Comark
Il basket orobico è in piena salute

È in salute la pallacanestro orobica. I nostri tre club dei piani alti, Blu Basket Treviglio (lega due-silver) Costa Volpino (divisione nazionale B) e Virtus Bergamo (divisione nazionale C) sono alle prese con il mercato estivo accomunati dall'obiettivo di ripresentarsi al via della prossima stagione sportiva rafforzati in ogni reparto. A facilitare i movimenti dei rispettivi operatori sono la concreta consistenza degli sponsor, aspetto non affatto da sottovalutare specie di questi tempi.

È di un paio di settimane, come si sa, che il sodalizio della Bassa e quello cittadino hanno trovato nella Remer di Cassano d' Adda e nella Comark di Stezzano i marchi mentre quello del Sebino proseguirà con il conclamato Vivigas. Subito una rigorosa considerazione. Se le società baskettare in questione possono applicare con orgoglio sulle casacche le sigle pubblicitarie è perché sono in grado di offrire serietà e oculatezza nelle programmazioni gestionali e in quant'altro. In altre parole aziende dello spessore di quelle elencate se hanno optato di concedere le loro «immagini» è perché si sono trovati allineati su tutto o giù di lì.

Importante, a questo punto, camminare di pari passo alla ricerca di traguardi che soddisfino in pieno entrambe le parti. Ingrediente di base per un connubbio privo di nei è da sempre rappresentato dai risultati della squadra. Da qui il certificato impegno delle dirigenze nell'allestire i roster. Sino a questo momento è la Remer la più attiva anche perché si è trovata a rivoluzionare l'organico nei suoi nove decimi. Quattro, per adesso, gli acquisti: Marino, Rossi, Hiedioha e buon ultimo Alessandrini. In attesa, naturalmente, della copia di stranieri prevista dai regolamenti della costituenda categoria.

In casa Vivigas da segnalare gli eccellenti ingaggi di Planezio e Franzoni oltre ad Alessandro Crotti nelle vesti di allenatore. E la Virtus? Tranquilli, ci sono parecchie trattative in corso anche se nulla è stato concluso in quanto Massimo Lentsch, titolare della Comark, è fuori sede.

Arturo Zambaldo

fa.tinaglia

© riproduzione riservata

Tags