Sabato 24 Gennaio 2009

Troppo freddo, niente bagno
nella fontana per la Rugby Bergamo

Troppo freddo, il mister dice no al bagno nella fontana. La Rugby Bergamo non indosserà il costume fuori stagione per tuffarsi nella piscina delle Poste Centrali di via Masone. Lo spirito goliardico però resta e senza il rischio di prendersi la pomonite la nuova burla si svolgerà alle 16 alla Fara: un membro della squadra sarà avvolto con un nastro adesivo dai compagni e fatto rotolare dalla Fara.

La scommessa è diventata realtà: sono stati infatti raccolti 500 euro che il Cesvi aveva fissato come importo base sulla scia del motto «Cesviamo, scommetti che ci riusciamo?». Raggiunta la cifra, la Rugby Bergamo - che si era impegnata in questa gara di solidarietà - deve pagare pegno e, per non rischiare di avere i pochi giocatori con l'influenza per le prossime gare, dal bagno nella fontana è passata a una meno freddolosa rotolata dalla Fara.

«L'idea è nata per stimolare i giovani a scommettere su se stessi in un'ottica solidale. Raccogliere fondi scommettendo ribalta la logica della solidarietà uguale noia, in solidarietà uguale divertimento – dichiara Daniele Fusi, responsabile donatori individuali Cesvi –. In Italia la raccolta fondi interessa il 34% della popolazione e il donatore è solitamente donna del nord-ovest con più di 55 anni. Con Cesviamo si è pensato di parlare con il linguaggio dei giovani».

fa.tinaglia

© riproduzione riservata

Tags