Mercoledì 25 Febbraio 2009

Tennis, Internazionali di Bergamo
La star sarà ancora Santoro

Sarà ancora il francese Fabrice Santoro (vincitore nel 2007 e semifinalista nel 2008) l'attrazione degli Internazionali di Bergamo 2009 di tennis, in programma al palasport cittadino e a quello di Gorle dal 28 febbraio all'8 marzo. Santoro, numero 58 della classifica mondiale Atp, potrebbe cedere il ruolo di star del torneo solo se lo spagnolo Marcel Granollers (46° in graduatoria) troverà un accordo con gli organizzatori per giocare a Bergamo. Per tutta la settimana di gare uno staff del quotidiano L'Equipe lo seguirà passo passo in quanto sta preparando un documentario sulla sua carriera. Non ci saranno azzurri in quanto impegnati negli stessi giorni in Coppa Davis a Cagliari contro la Slovacchia (quindi niente Andreas Seppi, già tra i big della competizione orobica).
Grazie all'interessamento dell'ex atalantino Glenn Stromberg (oggi nel consiglio direttivo del Tc Città dei Mille), vedremo in campo lo svedese Joachim Johansson, già numero 9 al mondo ma oggi finito nelle retrovie del ranking internazionale a causa di una serie di infortuni che da tre anni lo hanno messo fuori combattimento.
Occhio al talento del sedicenne serbo Filip Krajnovic, pronosticato come l'Agassi del futuro. Sarà della partita anche il bergamasco Andrea Falgheri del Tc Brusaporto.
Il tabellone sarà composto da 32 giocatori, compresi i 4 che usciranno dalle qualificazioni di sabato 28 febbraio e domenica 1 marzo.
Il montepremi è di 140 mila dollari (106 mila euro), il massimo per la categoria Challenger, un gradino più sotto il circuito Atp. «Nonostante la crisi - ha osservato, in sede di presentazione degli Internazionali, Marco Fermi, direttore del torneo, organizzato come sempre dalla Olme Sport - abbiamo garantito la stessa somma dell'anno scorso. Non è poco se pensiamo che nel mondo stanno saltando parecchie manifestazioni analoghe». Il torneo è sorretto dal contributo di un'ottantina di sponsor e, novità di quest'anno, l'ingresso sarà gratuito solo dal mattino alle 17 da lunedì a venerdì e si pagheranno 5 euro nelle sere dei giorni feriali e 10 euro il sabato e la domenica. «Per noi è un test - hanno aggiunto gli organizzatori -. Vogliamo capire se il pubblico è realmente affezionato a questo torneo e quindi viene anche se c'è da pagare qualcosa».
Con Fermi alla presentazione sono intervenuti, tra gli altri, Gabriele Merelli della Olme Sport, il commissario tecnico delle nazionali Corrado Barazzutti, l'assessore allo Sport del Comune di Gorle Salvatore De Rosa e Giorgio Berta, presidente di Bergamo Infrastrutture.

a.benigni

© riproduzione riservata

Tags