Risolto il mistero della foto di 90 anni fa È la commemorazione del Milite ignoto
Cerimonia al cimitero monumentale (Foto by StoryLab)

Risolto il mistero della foto di 90 anni fa
È la commemorazione del Milite ignoto

Sono bastate un paio d’ore per risolvere il mistero di una foto postata sul portale Storylab. Lo scatto ritrae un’immensa folla radunata di fronte al cimitero monumentale di Bergamo quasi un secolo fa.

In che occasione è stata realizzata la foto? Abbiamo posto la domanda ai lettori che seguono la pagina Facebook L’Eco di Bergamo. Ci ha pensato lo storico Marco Cimmino a risolvere il dubbio. La stesso scatto infatti compare su una rara stampa di «Rivista d’epoca» del 1921 in cui sono state pubblicate foto della cerimonia per la commemorazione del Milite ignoto.

Il Milite ignoto è un simbolo della storia d’Italia. Per celebrare gli eroi di guerra senza nome che hanno combattuto durante la Prima Guerra Mondiale lo Stato Italiano scelse il Vittoriano, dedicato a Vittorio Emanuele II: l’Altare della Patria diventò così un monumento nazionale, dove al centro del primo livello, sotto la Dea Roma, giace il corpo di un soldato non identificato, il Milite ignoto appunto. Un combattente italiano senza nome, scelto da una donna di Trieste tra un gruppo di militari caduti in battaglia e mai identificati.

Fu una commissione a rintracciare i corpi di 11 soldati senza nome nei territori dove i combattimenti furono più aspri. I cadaveri dei soldati vennero messi in bare disposte in fila nella navata centrale della Basilica di Aquileia a Udine: il 28 ottobre 1921 fu Maria Bergamas, mamma di un soldato deceduto, Antonio, a scegliere la salma che oggi riposa nella capitale. La salma venne trasferita in treno a Roma e ad ogni stazione il convoglio ferroviario fece una sosta, tra gli applausi degli italiani.


© RIPRODUZIONE RISERVATA