Martedì 02 Ottobre 2012

Corte Conti: rischi da rigore-crescita

(ANSA) - ROMA, 2 OTT - La Corte dei Conti evidenzia il ''pericolo di un corto circuito rigore-crescita, favorito dalla composizione delle manovre correttive delineate nel Def: per quasi il 70% affidate, nel 2013, ad aumenti di imposte e tasse''. Questo con una pressione fiscale oltre il 45%. Lo dice il presidente Luigi Giampaolino alla Camera.

CN-SCA

© riproduzione riservata