Martedì 24 Novembre 2009

Sudan/ Giornalista coi pantaloni sfida divieto espatrio...

Roma, 24 nov. (Apcom) - Loubna Hussein, la giornalista sudanese finita in carcere a luglio con l'accusa di aver indossato i pantaloni, in violazione dei dettami dell'Islam, ha sfidato la decisione del tribunale che le imponeva di non lasciare il Sudan. Lo scrive oggi il quotidiano palestinese al Quds al Arabi che riporta una intervista alla giornalista che si trova ora nella capitale francese, Parigi. Lubna che ha spiegato come è riuscita a beffare le autorità del suo Paese riuscendo a lasciare il paese africano, ha annunciato l'uscita del suo "quaranta frustate per un paio di pantaloni", libro non si limita a raccontare la sua vicenda che l'estate scorsa ha catturato l'interesse dell'opinione pubblica mondiale. Nella sua fatica letteraria che presto sarà tradotta in arabo, inglese e swahli, la giornalista affronta le condizioni femminili in un paese come il suo dove vive un minoranza cristiana, che applica la Shariya islamica. Nel settembre scorso, Lubna, era stata condannata a 40 frustate e 200 di multa che non venne eseguita. Nel sttembre scorso la giornalista venne rilasciata dopo avere pagato la multa. Circostanza non confermata da Lubna che, a suo tempo, aveva dichiarato di preferire il carcere.

Fth

© riproduzione riservata