Lunedì 07 Dicembre 2009

Mafia/ Azzerato clan 'Cappello' di Catania: in manette Caruso

Roma, 7 dic. (Apcom) - Azzerato definitivamente il clan 'Cappello' di Catania: Salvatore Caruso, latitante e ultimo esponente a livello apicale del clan mafioso 'Cappello' di Catania, meglio conosciuto come 'Turi malavita', è stato arrestato mentre si trovava in auto in via Fleming, nel centro del capoluogo etneo. L'uomo, 46 anni, era sfuggito alla cattura lo scorso ottobre durante l'operazione "Revenge", che ha disarticolato la cosca. L'arresto di Caruso, che conclude le ricerche avviate dopo il blitz del 22 ottobre scorso, è il risultato di un complesso servizio di osservazione e pedinamento - spiega la Questura di Catania - che ha consentito di individuare Caruso a bordo di una Ford Ka, in sosta tra la via Calatabiano e la via Randazzo, nei pressi della via Fleming. Gli agenti della sezione criminalità organizzata, non appena lo hanno individuato, sono intervenuti. Caruso non aveva nulla con sè, se non le chiavi dell'auto che guidava, per non farsi identificare in caso di cattura. L'ordinanza di custodia cautelare formula le accuse di associazione mafiosa, traffico e spaccio di stupefacenti, detenzione d'armi ed estorsione; Caruso era inoltre il vice di Giovanni Colombrita, arrestato il 22 ottobre scorso. 'Turi malavita', che ha già scontato in passato una condanna per associazione mafiosa e detenzione di armi, era tra i personaggi di spicco della cosca Cappello; dopo essere sfuggito alla cattura, era divenuto punto di riferimento per la cosca. Il suo arresto segna la definitiva decapitazione del clan "Cappello".

Apa

© riproduzione riservata