Domenica 17 Gennaio 2010

Animali/ Nel 2009 aumentati reati del 70% e le truffe on line

Roma, 17 gen. (Apcom) - Un 2009 record per le segnalazioni di reati e truffe on line che riguardano gli animali. C'è un po' di tutto: richieste di prestazioni sessuali con cani, pecore e persino tacchini, gruppi su Facebook che incitano all'uccisione cruenta di animali e finte vendite di cani esotici. Secondo i dati giunti al telefono amico ed allo sportello segnalazione [email protected] di Aidaa, l'associazione italiana a tutela degli animali e dell'ambiente, l'anno scorso le segnalazioni di reati e truffe via web aventi come oggetto gli animali sono aumentate del 70% rispetto al 2008. Ad aprire la classifica di reati via web sono le richieste di prestazioni sessuali con animali, in particolare cani, cavalli, pecore, e persino tacchini; seguono le truffe, ed infine sono in aumento le segnalazioni di siti web, pagine di Facebook e gruppi organizzati che propongono ed incitano a maltrattamenti ed uccisioni di animali anche attraverso l`ausilio di immagini violente e cruente. Andando nel dettaglio, Aidaa nel 2009 ha ricevuto diverse migliaia di segnalazioni (oltre 15.000) di annunci di richieste di sesso con animali: in 179 casi l`associazione ha provveduto alla denuncia degli autori di queste inserzioni e dei siti web che le pubblicizzavano. Per quanto riguarda le truffe online a farla da padrone sono i finti annunci di acquisto di cani di razza provenienti dai paesi africani (in particolare, dal Camerun) o dai paesi Nord Europei (Inghilterra). Secondo i dati registrati dall`associazione animalista sono diverse decine di migliaia le persone coinvolte in qualche modo in queste truffe, che oltre ai cani riguardano anche animali esotici e gatti di razza. Il sistema anche in questo caso è molto semplice e diretto: prima i truffatori mettono un annuncio civetta sul web nel quale si sostiene che pagando solamente le spese di trasporto si possono avere praticamente gratuitamente cani di razze pregiate che in Italia costerebbero dai 2.000 euro in su. Una volta contattato il possibile acquirente i truffatori si fanno anticipare somme richieste per il viaggio che ammontano a circa 500/600 euro per poi scomparire nel nulla. Ovviamente dei cani, gatti e animali esotici nemmeno l`ombra. Solo negli ultimi 3 mesi del 2009 sono state 6.500 le persone truffate per finti acquisti di cani in Camerun, per un giro complessivo di soldi che supera abbondantemente i 4 milioni di euro. Infine, da segnalare l`aumento di gruppi e siti web che incitano e propongono il maltrattamento e la morte cruenta di animali. Nel corso del 2009 sono stati 400 i gruppi censiti da Aidaa inneggianti la violenza contro animali. Di questi l`80% era presente su Facebook.

Apa

© riproduzione riservata