Lunedì 18 Gennaio 2010

Mediaset/Difesa premier chiede tempo per valutare rito abbreviato

Milano, 18 gen. (Apcom) - "A questo punto auspico che la difesa Berlusconi formalizzi la richiesta di rito abbreviato dal momento che questo processo è in corso da molto tempo. Anche se la modifica al capo di imputazione formulata da me nel novembre del 2007 non era tardiva". Lo ha detto il pm Fabio De Pasquale replicando alla difesa del premier e di altri imputati che avevano chiesto un termine di tempo per valutare la richiesta di rito abbreviato al processo sui diritti tv di Mediaset dove Berlusconi è imputato di frode fiscale. I giudici sono riuniti per decidere. In precedenza Niccolò Ghedini, uno dei difensori di Silvio Berlusconi al processo sui diritti tv di Mediaset, citando la sentenza specifica della Corte costituzionale, aveva chiesto ai giudici del tribunale di Milano tempi di tempo "congrui" al fine di valutare una eventuale richiesta di processo con il rito abbreviato. Secondo il Codice la richiesta può essere non inferiore a 20 giorni e non superiore a 40 giorni. Analoga richiesta era stata formulata in precedenza dall'avvocato Nicola Mazzacuva, difensore di Gabriella Galetto, il quale ha spiegato che la richiesta di rito abbreviato facendo riferimento al fatto che la contestazione supplettiva con la modifica del capo di imputazione era stata tardiva in quanto formulata non su nuovi elementi sopravvenuti nel corso del processo ma sulla base di dati già noti al momento della richiesta di rinvio a giudizio.

Red-Frk/

© riproduzione riservata