Domenica 25 Aprile 2010

25 aprile/ Il Capo dello Stato all'Altare della Patria

Roma, 25 apr. (Apcom) - Ieri la cerimonia alla Scala di Milano, con l'esaltazione del 25 aprile come "festa della riunificazione d'Italia". Oggi il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, per il 65esimo anniversario della Liberazione Napolitano sarà prima all'Altare della Patria per deporre una corona d'alloro al sacello del Milite Ignoto, poi al Quirinale incontrerà le Associazioni Combattentistiche e d'Arma, alla presenza dei ministri della Difesa e dell'Interno, Ignazio La Russa e Roberto Maroni, e dei vertici delle Forze Armate. Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ha scelto invece di affidare ad un videomessaggio che sarà trasmesso durante i tg il suo ricordo del 25 aprile. Mentre per il presidente del Senato, Renato Schifani, c'è stato un cambio di programma: sarà a Palermo, ma in piazza con i partigiani e non più alla cerimonia davanti al monumento che ricorda tutti i caduti in guerra, scelta che aveva creato polemiche. Schifani depone una corona di fiori davanti alla stele del partigiano Nicolò Barbato ed alla lapide dei Caduti di Cefalonia. "La decisione del Presidente del Senato è un forte richiamo all'unità di tutte le forze politiche - ha spiegato ieri l'ufficio stampa di Palazzo Madama - nel ricordo di una data che è alla base della nostra identità repubblicana". Sempre oggi il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, depone a nome del Governo una corona di fiori alle Fosse Ardeatine, luogo del massacro compiuto a Roma dalle truppe di occupazione della Germania nazista il 24 marzo 1944. Il 25 aprile viene poi, come ogni anno celebrato anche dai cortei dell'Anpi nelle diverse città: il principale è da tradizione a Milano, dove lo scorso anno si registrò la contestazione di gruppi di estrema sinistra ai rappresentanti del governo e delle istituzioni locali.

Red/Pol

© riproduzione riservata