Domenica 09 Maggio 2010

Calcio/ Inter, primo match point scudetto ad alta tensione

Roma, 9 mag. (Apcom) - E' la domenica del primo match point scudetto per l'Inter ma ad accorgesene sembrano essere in pochi. La sfida per il tricolore con la Roma, seconda a due punti dai nerazzurri a due giornate dalla fine del campionato, sta di fatto annegando in una volata particolarmente avvelenata. L'ormai consolidata rivalità tra le due squadre, le due regine del calcio italiano dopo Calciopoli, continua una escalation probabilmente destinata a durare quantomeno fino alla 38.ma ed ultima domenica di calcio giocato. Alla vigilia del penultimo turno, che vedrà le due contendenti impegnate in casa (l'Inter contro il Chievo, la Roma con il Cagliari), i due allenatori sono tornati a sfidarsi ieri sul piano dialettico. Il tecnico giallorosso, Claudio Ranieri, ha accusato il collega nerazzurro Josè Mourinho di proseguire una tattica incendiaria: "E' troppo facile motivare il gruppo sentendosi attaccati da tutti e da tutto", ha detto Ranieri, "a me piace vincere in un altro modo. Facendo così sono tutte bombe ad orologeria". Un'accusa precisa, corredata da due puntualizzazioni. Una sibillina sul possibile incarico di Ct della nazionale azzurra ("Sono per la Roma, per un calcio pulito fatto di messaggi positivi. Questo è il mio calcio"), l'altra meno criptica su Mourinho: "Siete voi che lo fate diventare un fenomeno. Per me è un buon allenatore. E mi fermo qua". Di tenore differente la replica dell'allenatore dell'Inter, che ha sfoderato l'ormai consueta arma del palmares personale: "Non ho mai detto di essere un fenomeno - ha detto affidandosi ad una nota del sito dell'Inter (anche ieri non ha tenuto la rituale conferenza stampa della vigilia) - pero' non è certo colpa mia se, nel 2004, dopo essere arrivato al Chelsea e aver chiesto perchè stavano cambiando Ranieri, mi hanno risposto che volevano vincere e con lui non sarebbe mai capitato. Di questo, io, non ho proprio colpe". L'Inter, dopo la Coppa Italia vinta mercoledì proprio in finale con la Roma, potrà tagliare il traguardo dello scudetto in caso di vittoria e di mancato successo della Roma. Il match di cartello, ad ogni modo, sarà quello di Palermo tra la squadra di Delio Rossi e la Sampdoria: al Barbera andrà in scena un autentico spareggio per il quarto posto e la qualificazione ai preliminari di Champions League (la Samp è quarta con due lunghezze sul Palermo). Napoli e Juventus, rispettivamente sesta e settima in classifica, giocheranno rispettivamente in casa con Atalanta e Parma: per entrambe l'obiettivo è evitare il settimo posto e il passaggio attraverso gli scomodi preliminari di Europa League. In coda l'Atalanta, terzultima a cinque punti da Lazio e Bologna, potrebbe seguire le già retrocesse Siena e Livorno.

Grd/Caw

© riproduzione riservata