Mercoledì 18 Agosto 2010

Vacanze/Cellulari a rischio tra sabbia, salsedine e raggi solari

Roma, 18 ago. (Apcom) - L`estate è il periodo in cui si guastano più facilmente i telefonini abbandonati sotto al sole anche al riparo dell`ombrellone o utilizzati con le mani bagnate o insabbiate. Da un`indagine che CPP Italia, divisione della multinazionale inglese specializzata nell`offerta di servizi assicurativi per le famiglie, ha realizzato interpellando importanti centri di assistenza per cellulari in tutte le città italiane, emerge che il 75% delle riparazioni si effettuano tra giugno e agosto (30%) ma soprattutto al rientro dalle vacanze (45% da settembre a ottobre). Secondo i dati elaborati da CPP Italia, le tipologie di guasti più ricorrenti sono i problemi al software (33%) e la rottura o la cattiva visualizzazione del display (30%). Meno frequenti i guasti della tastiera (10%), del microfono e/o auricolare (9%) e dell`hardware (6%). Molto limitati anche i problemi per "ossidamento" da liquidi (6%) e i problemi alla batteria (4%). I centri assistenza interpellati da CPP Italia, che riparano circa 370 mila apparecchi l`anno di cui oltre un quarto smartphone, fanno sapere che i tempi medi di riparazione per un cellulare si aggirano sui 10 giorni anche se si va da un minimo di 3 giorni fino a un mese e più. Nel primo anno di vita finiscono in assistenza 35 cellulari su 100 e 40 su 100 nel secondo anno.

red/Nes

© riproduzione riservata