Mercoledì 18 Agosto 2010

Immigrati/ Da Trapani a Gorizia:continue proteste e fughe da Cie

Milano, 18 ago. (Apcom) - Tentativi di fughe, "evasioni" riuscite, proteste, violenze, atti di autolesionismo. La situazione nei Centri di identificazione ed espulsione (Cie) si è fatta in questi mesi estivi più pesante e la notte scorsa si è verificato l'ennesima fuga di massa dal "Serraino Vulpitta" di Trapani, da cui sono riusciti a dileguarsi 15 stranieri. Era già successo il 14 luglio scorso e allora furono arrestati in quattro. Due giorni fa era toccato alle strutture di Brindisi e Milano. A Restinco, una trentina di stranieri avevano scavalcato il muro di cinta e solo una ventina erano stati poi rintracciati dalle forze dell'ordine e riportati nella struttura. In via Corelli (dove secondo la Caritas nel solo 2008 sono transitati 1360 stranieri) un cittadino algerino era riuscito a fuggire nel corso di un'animata protesta sui tetti al termine della quale 18 immigrati erano stati denunciati e sei agenti del Reparto mobile e cinque cittadini nordafricani erano rimasti contusi. Il 18 luglio scorso, sempre nel capoluogo lombardo, erano fuggiti in tre, in sette erano stati denunciati, due cittadini maghrebini erano finiti in ospedale, sei poliziotti e un militare dell'esercito avevano dovuto ricorrere alle cure dei sanitari. A Ferragosto, 25 immigrati, dopo aver forzato una porta, erano fuggiti anche dal Centro di Gradisca d'Isonzo (Gorizia): in questi giorni sono stati rintracciati quasi tutti e al momento solo sei risultano irreperibili. Questi sono alcuni dei casi più eclatanti registrati recentemente nei Cie, dove si segnala un aumento delle proteste e dei tentativi di "evasione" dopo l'entrata in vigore della Legge 94 del 15 luglio 2009 che portato da 60 a 180 giorni il termine massimo di permanenza per chi vi è trattenuto. "Ospiti" e militanti delle associazioni di solidarietà con i migranti, lamentano nei Cie scarsa assistenza e informazione, sovraffollamento, degrado o inadeguatezza delle strutture, stato di "costrizione", convivenza forzata tra pregiudicati e incensurati, coabitazione tra persone provenienti da Paesi diversi: tutte condizioni aggravate dal caldo di questi mesi estivi. (Segue)

Alp

© riproduzione riservata