Mercoledì 25 Agosto 2010

Iraq/ Ondata di attentati nel paese dopo il ritiro Usa, 46 morti

Baghdad, 25 ago. (Apcom) - Dimostrazione di forza degli insorti in Iraq, a pochi giorni dal ritiro dell'ultima brigata da combattimento Usa, che ha posto di fatto fine alla guerra iniziata sette anni fa. Nove autobomba sono scoppiate oggi in diverse località del paese, uccidendo almeno 46 persone, in gran parte poliziotti. L'ondata di attentati, ben coordinata, ha fatto anche più di 250 feriti Gli attacchi più gravi sono avvenuti a Kout, a 160 chilometri a sud-est di Baghdad, dove sono rimaste uccise 15 persone in un ufficio passaporti della polizia, e nella capitale, dove un'autobomba è esplosa verso le 8 (ora locale, le 7 in Italia) presso un posto di polizia nel quartiere di al-Qahira (nord), facendo 15 morti, tra cui otto poliziotti, secondo quanto ha riferito il ministero dell'Interno. Altre autobomba sono esplose nella città petrolifera di Kirkuk (240 km a nord di Baghdad), a Bassora, nel sud, a Karbala (la città santa sciita a 110 km a sud della capitale), a Dujail (60 km a nord di Baghdad) e a Muqdadiya, nella turbolenta provincia di Diyala. (fonte Afp)

Plg

© riproduzione riservata