Martedì 31 Agosto 2010

Nuova frontiera informatica: in 5 anni hard disk in un solo chip

New York, 31 ago. (Apcom) - E' stato oramai superato - con risultati potenzialmente clamorosi - un ostacolo fondamentale che bloccava la costruzione di microchip sempre più piccoli. Lo riporta il New York Times, citando risultati ottenuti da scienziati della Rice University e del colosso dei personal computer Hewlett-Packard. La riduzione delle dimensioni della memoria dei computer è stata la svolta fondamentale che ha portato all'elettronica di largo consumo, ma negli ultimi anni limiti della fisica e della finanza avevano rallentato questo processo. Tanto che gli esperti temevano che questo avrebbe pesato come un macigno negli sforzi dei produttori di tecnologia per costruire pc, fotocamere, telefoni e altri gadget sempre più potenti. Gli ultimi sviluppi rappresentano invece la speranza che questo non accadrà. I ricercatori della Rice scrivono sulla rivista Nano Letters di essere riusciti a costruire dei piccoli "interruttori digitali" (digital switch), una componente essenziale della memoria dei computer - utilizzando metodi non convenzionali che aprono la strada a ulteriori miniaturizzazioni. Questo filone di ricerca è basata sull'ossido di silicio, una delle componenti fondamentali utilizzate oggi nell'industria dei semiconduttori, e questo spiana la strada alla commercializzazione futura di questi prodotti. Per ora i nuovi chip possono archiviare solamente dati per 1.000 bit, ma se la nuova tecnologia manterrà le promesse, entro cinque anni si potranno avere dei minuscoli chip con una capacità pari a quella degli hard disk più capienti di oggi. Parallelamente Hp dovrebbe annunciare oggi una partnership commerciale con una grande società di semiconduttori per produrre tecnologie con il potenziale di portare l'archiviazione dati nei computer a livelli senza precedenti nel prossimo decennio. Sia gli scienziati della Rice che quelli di Hp compiono ricerche sui "memristor", dispositivi in grado di mantenere informazioni senza bisogno di una fonte di energia.

Emc-Fsn

© riproduzione riservata