Lunedì 13 Dicembre 2010

Ocse/ Eurozona in ripresa "moderata", ma ora servono le riforme

Roma, 13 dic. (Apcom) - Eurolandia si conferma orientata a una ripresa economica "moderata", secondo l'Ocse, che prevede tassi di crescita del Pil tra l'1',5 e il 2 per cento nella regione sui prossimo due anni. Ma questo mentre la situazione resta sottoposta a "rischi", dopo che a seguito della recessione globale l'Unione valutaria ha anche subito una crisi sui titoli di Stato di alcuni paesi. Al tempo stesso l'insorgere di "ampi squilibri economici, di bilancio e finanziari" tra Stati della regione "richiede una agenda di riforme orientata al futuro", afferma l'ente parigino con uno studio pubblicato oggi. Secondo l'Ocse, per rimettere l'eurozona su un percorso di crescita più forte bisogna innanzitutto "migliorare la disciplina di bilancio" tramite riforme alle regole comunitarie sui conti pubblici, e creando "consigli nazionali" responsabili di questo settore. Va inoltre "aggiornata la normativa sul settore finanziario", prosegue lo studio, e bisogna anche procedere a "ampie riforme sui mercati di lavoro e produzione di beni, volte a rafforzare la crescita e la competitività". Nell'attuale clima di incertezza che permane sui bond statali dell'area, "attuare queste riforme contribuirebbe a ripristinare la stabilità", conclude l'Ocse.

Voz

© riproduzione riservata