Sabato 18 Dicembre 2010

Messico/Chiesta sospensione giudici che assolsero killer ragazza

Ciudad Juarez, 18 dic. (Ap) - Il governatore dello Stato messicano di Chihuahua, Cesar Duarte, ha chiesto la sospensione dei tre giudici che assolsero per mancanza di prove i presunti assassini di una ragazzina di 17 anni e, due anni dopo, della madre, che protestava per ottenere giustizia. Ma intanto in Mesico non si placano le polemiche e le manifestazioni per questa ennesima dimostrazione di impotenza della giustizia di fronte alla delinquenza comune e al narcotraffico. Marisela Escobedo Ortiz chiedeva giustizia da due anni per il brutale assassinio della figlia adolescente, ma gli stessi killer della figlia le hanno chiuso la bocca per sempre, due giorni fa, proprio davanti al palazzo del governatore dello stato di Chihuahua, al confine tra Messico e Stati Uniti. Le immagini - riprese dalle telecamere di sorveglianza e diffuso a ritmo continuo dalle televisioni di tutto il paese - mostrano un gruppo di uomini armati col volto coperto che a bordo di un'auto si avvicina al palazzo del governatore. Uno di questi scambia alcune parole con Marisela Escobedo Ortiz, promotrice di un gruppo di attiviste in veglia di protesta davanti al palazzo del governo. Poi la donna comincia a scappare ma l'uomo armato la insegue e le spara alla testa. Trasportata in ospedale, la donna muore poco dopo.

Fcs

© riproduzione riservata