Mercoledì 29 Dicembre 2010

Battisti/ Greco (Iai): Caso non inciderà su rapporti bilaterali

Roma, 29 dic. (TMNews) - Se, come anticipato dai media brasiliani, il presidente brasiliano uscente Luiz Inacio Lula da Silva alla fine deciderà di non concedere l'estradizione a Cesare Battisti (ex terrorista dei Pac condannato all'ergastolo in Italia per quattro omicidi commessi negli anni Settanta), non ci saranno comunque ripercussioni sui rapporti bilaterali tra Italia e Brasile. E' quanto ha detto a TMNews Ettore Greco, direttore dell'Istituto Affari Internazionali. "Ci sono state ripetute dichiarazioni e prese di posizione da parte del nostro Ministero degli Esteri per ottenere l'estradizione, c'è stata una pressione diplomatica italiana" ha affermato Greco, "però poi, se si guardano altre dichiarazioni date in occasione di incontri bilaterali, si è visto che questa vicenda non influenza comunque gli sforzi per accrescere la cooperazione". "Ovviamente - ha detto ancora Greco - ci sarà un rammarico forte credo anche a livello politico, questo governo ha sempre espresso il suo forte disappunto per tutta questa vicenda, e spera che si possa arrivare all'estradizione. Ma non inciderà" nei rapporti bilaterali, "rimarrà probabilmente un caso isolato". Secondo il direttore dello Iai, bisogna infatti "tenere conto che il Brasile ha avuto degli ottimi risultati economici negli ultimi tempi, ci sono dei legami importanti di aziende, come Fiat e Telecom, siamo interessati come Italia a mantenere dei rapporti amichevoli e anche ad accrescere la cooperazione. Questo si è riflesso in una serie di dichiarazioni che tendevano a rassicurare che questa vicenda non avrebbe inficiato più di tanto i rapporti bilaterali".

Plg

© riproduzione riservata