Domenica 23 Gennaio 2011

Ruby/ Lele Mora: Tante sere premier mi chiamava: Sono qui solo

Milano, 23 gen. (TMNews) - "Tante sere il presidente mi chiamava e mi diceva sono qua solo". Lo racconta il talent scout Lele Mora, parlando del suo rapporto con il presidente del Consiglio. E per spiegarsi meglio, cita "una frase storica", letta in un libro. "Uno potente, ha tante cose, ma le sera si spengono i riflettori e sei solo - aggiunge Mora - La frase del libro diceva: Il re è solo e triste e va a letto piangendo". Per il premier, spiega Lele Mora "avere vicino amici a cui si può raccontare una barzelletta, con cui si può cantare due canzoni assieme, viene interpretato nella maniera sbagliata. E tutto questo casino è uscito per niente". Per il frequentatore di Villa San Martino, comunque, non è vero che, come qualcuno ha ipotizzato, "chiunque" poteva entrare nella residenza del premier ad Arcore perché "ogni volta che andavo comunicavo alle guardie con chi venivo e con quante persone". Le serate di Arcore, comunque, "ci sono sempre state, con più o meno gente, con persone più anziane o più giovani, con politici o artisti", anche - conferma Mora - prima della separazione con la moglie Veronica.

Mda

© riproduzione riservata