Lunedì 29 Agosto 2011

Usa/ Lo zio Obama arrestato per guida in stato di ebbrezza

Roma, 29 ago. (TMNews) - Lo zio di Obama a lungo dato per disperso è stato "ritrovato" fuori Boston mentre guidava in stato di ebbrezza: lo ha rivelato "The Times", aggiungendo che "Uncle Omar" è stato arrestato perchè clandestino. Il suo arresto - prosegue il quotidiano britannico - mette fine al mistero di quest'uomo, il quale, secondo le memorie scritte dal presidente Barack Obama("Dreams from my father", 1995), aveva lasciato il Kenya per l'America nel 1960 "senza più tornare", ma allo stesso tempo rappresenterà un nuovo grattacapo per il celebre nipote. Secondo la cronaca, Onyango Obama, 67 anni, è stato beccato fuori dal Chicken Bone Saloon in Framingham, Massachusetts, alle 19.10 del 24 agosto. La polizia ha riferito che Onyango ha quasi tamponato con la sua Mitsubishi 4x4 una pattuglia e poi ha accusato l'agente alla guida di non avergli dato la precedenza. Lo zio del presidente americano inoltre aveva nel sangue un tasso alcolemico di 0,08 milligrammi superiore alla norma ed è stato fermato sotto accusa di guida in stato di ebbrezza e guida pericolosa, oltre che per non avere messo fuori la freccia. Ma l'accusa più pesante è il reato di clandestinità, dato che sullo zio pendeva un ordine di espulsione dell'Ufficio federale di immigrazione che lo aveva già invitato a ritornare in Kenya. Nel 2008 The Times aveva tentato di rintracciare Uncle Omar, una caccia finita invece con il ritrovamento della zia Zeituni, che a sua volta viveva senza permesso a Boston (ma nel frattempo la sua domanda di asilo è stata accolta). Zeituni e Omar sono entrambi figli del nonno di Obama, Hussein Onyango Obama e della sua terza moglie, Sarah, la donna che il presidente americano chiama "granny", perchè ha cresciuto suo padre Barack Senior, figlio di Hussein Obama e della sua seconda moglie Akumu.

Cuc

© riproduzione riservata